Attenzione alla pasta a pranzo! Ecco quali sono gli effetti negativi:

Sophia Loren, probabilmente una delle donne più belle del mondo, attribuisce il suo aspetto e la sua figura, in parte, al consumo di pasta. È stata notoriamente citata dicendo: “Tutto quello che vedi lo devo agli spaghetti”.

La questione potrebbe suonare piuttosto strana a noi italiani, tuttavia in molti paesi del mondo la pasta non è considerata come un alimento piuttosto “sano”. Questo è dovuto al fatto che la pasta contiene glutine ed è una fonte di carboidrati piuttosto importante.

Quando si tratta di tendenze alimentari sane, le diete a basso contenuto di carboidrati e senza carboidrati regnano ancora sovrane, ma forse non dovrebbero. Uno studio ha rilevato che le persone che ottengono la maggior parte delle loro calorie giornaliere dai carboidrati tendono a vivere in media quattro anni in più rispetto alle loro controparti a basso contenuto di carboidrati. Non credi ai numeri? Dai un’occhiata all’Italia. Gli italiani in media sono più magri, più sani e vivono quasi quattro anni in più rispetto all’americano medio.

Sophia Loren, probabilmente una delle donne più belle del mondo, attribuisce il suo aspetto e la sua figura, in parte, al consumo di pasta. È stata notoriamente citata dicendo: “Tutto quello che vedi lo devo agli spaghetti”. La dieta italiana, che è essenzialmente la dieta mediterranea, è semplicemente un piano alimentare ben bilanciato che si concentra su cereali integrali, verdure e molto olio d’oliva.

Bel piatto di pasta
Bel piatto di pasta – Foto di Engin Akyurt/Pexels.com

La maggior parte delle persone associa un pasto carico di carboidrati alla sensazione di sonnolenza, ma è vero il contrario. Se mangi la pasta per cena in una porzione adeguata come parte di una cena equilibrata che includa proteine magre e verdure, ti sveglierai la mattina dopo pronto a conquistare la giornata e non avrai nemmeno bisogno di una tazza di caffè prima.

Finché cerchi la pasta integrale, e non quella raffinata, sullo scaffale del supermercato, un piatto di pasta quotidiano può aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache, cancro del colon-retto, diabete e obesità. Al giorno d’oggi, la maggior parte dei prodotti venduti come pasta sono realizzati con grano tenero. Tuttavia, tagliatelle simili possono essere preparate con altri cereali, come riso, orzo o grano saraceno.

Alcuni tipi di pasta vengono raffinati durante la lavorazione, privando il chicco di grano della crusca e del germe, togliendo molte delle sostanze nutritive. A volte la pasta raffinata è arricchita, nel senso che ha alcuni nutrienti, come le vitamine del gruppo B e il ferro, aggiunti di nuovo. È disponibile anche la pasta integrale, che contiene tutte le parti del chicco di grano.