in

Attenzione quando mangi il baccalà! Ecco cosa potrebbe accaderti

Il Baccalà è uno dei pesci principe delle nostre tavole. Non tutti però sono a conoscenza dei rischi collegati al consumo di questo pesce! Analizziamoli dunque insieme e vediamo come è possibile mitigarli.

Luce del sole sul mare - Foto di Sebastian Voortman/Pexels.com

Il baccalà, conosciuto anche come bacalao, è un pesce amato in molte cucine globali. Dal tradizionale piatto di frittelle di baccalà alla cucina fusion contemporanea, questo pesce essiccato e salato aggiunge un sapore unico a diverse preparazioni.

Nonostante la diffusione del baccalà come alimento, la discussione che si crea intorno alla sua salubrità è molto accesa. Il lungo processo di essiccazione può rendere il merluzzo duro e gommoso. Prima di utilizzarlo in cucina, è necessario reidratarlo immerso in acqua per diverse ore o durante la notte.

Il processo di preparazione implica la marinatura del pesce, seguita da un’essiccazione rapida sotto il sole. Questo metodo di conservazione conferisce al pesce salato una durata prolungata, rendendolo una scelta popolare per contorni e piatti principali. Il merluzzo congelato subisce un trattamento con una soluzione salina per evitare la perdita di umidità durante lo scongelamento. Secondo il Natural Resources Defense Council, il merluzzo contiene mercurio, ma in quantità moderate. La domanda principale è se il merluzzo sia salutare.

Questo mercurio viene assorbito dai pesci attraverso la catena alimentare. In questo contesto, è fondamentale essere consapevoli dei livelli di mercurio prima di consumare qualsiasi tipo di pesce. Il merluzzo è preferibile quando cucinato al forno, alla griglia o alla brace, in quanto queste metodologie di cottura preservano meglio la sua naturale leggerezza. Friggere il pesce può aumentare il suo contenuto calorico. Per accompagnare il pesce in modo salutare, puoi servirlo su un letto di cavoli al vapore, con contorni di verdure grigliate o patatine dolci al forno. Queste opzioni non solo aggiungono sapore e varietà al pasto, ma anche nutrienti benefici per la salute.

Una coppia di riposa sul letto di casa dopo i pesanti pasti del pranzo
Una coppia di riposa sul letto di casa dopo i pesanti pasti del pranzo – Foto di Ketut Subiyanto/pexels.com

Rischi e benefici per la salute

La maggior parte dei tipi di pesci, soprattutto quelli più grandi, contengono molto mercurio, e vengono per tanto additati come “dannosi”. Il mercurio può essere tossico in quantità elevate, quindi è certamente meglio evitare di consumarne troppo. Tuttavia, il Baccalà non è ricco di mercurio. Ciò significa che per la maggior parte delle persone è possibile consumare il merluzzo senza questo rischio. Come altri tipi di pesce, il merluzzo è naturalmente ricco di proteine. Nello specifico, 100 grammi (g) di merluzzo cotto contengono circa 20 g di proteine.

Le proteine sono una parte essenziale di qualsiasi dieta. Le proteine supportano la “struttura, funzione e regolazione” di cellule, tessuti e organi del corpo. Le proteine contengono aminoacidi. È essenziale assumere alcuni di questi aminoacidi dal cibo, poiché l’organismo non è in grado di produrli da solo. Molte fonti proteiche di origine vegetale non contengono questi aminoacidi essenziali, ma il pesce sì.

Bel mare
Bel mare-Foto di Kellie Churchman/www.pexels.com

Per porla in numeri concreti, in 100 g di merluzzo ci sono anche circa 0,25 g di grassi e 84 calorie. Gli esperti suggeriscono che ottenere proteine da fonti più salutari potrebbe avere una serie di benefici per la salute, come la riduzione del rischio di diabete e malattie cardiache. Fonti proteiche meno salutari sono alimenti come carne rossa e formaggio. È importante mangiare proteine ogni giorno, poiché il corpo immagazzina le proteine in modo diverso rispetto ad altri macronutrienti come i carboidrati.

Il consumo di merluzzo in quantità moderate è sicuro e generalmente senza effetti avversi. Il merluzzo, come la maggior parte dei pesci, contiene mercurio. Un consumo eccessivo di mercurio può essere tossico e può causare disturbi neurologici e comportamentali. Potrebbe essere particolarmente problematico nei bambini.

I pesci contengono naturalmente mercurio, in parte dovuto al consumo di altri pesci. Potrebbe valere la pena limitare il consumo di pesci di grandi dimensioni, come il pesce spada, il pesce tegola e lo sgombro reale. È importante notare che il tonno bianco contiene significativamente più mercurio rispetto al tonno in scatola. Tuttavia, il merluzzo non contiene elevate quantità di mercurio. Quindi, un consumo moderato di merluzzo non dovrebbe causare problemi alla maggior parte delle persone.

Scritto da Luca Petrone

Sono un giornalista pubblicista dal 2021 ed ho conseguito un MA in Journalism alla Birkbeck University di Londra. I miei interessi sono troppo vasti per essere riassunti in una descrizione, ma ogni cosa che faccio inizia dalla scrittura. Attualmente sono web writer ed ho collaborato con svariati siti e testate online. Il mio profilo LinkedIn.