Calo Ponderale: Significato, Dieta, Tumore e Quando Preoccuparsi

Calo ponderale cioè una perdita di massa corporea per motivazione differenti, che cosa significa e perché è da tenere sotto controllo? Dato che tutti noi sperimentiamo lievi variazioni di peso nel tempo (p. es., durante la malattia), i medici di solito si preoccupano solo quando un paziente ha perso più di 4-5 kg cioè il 5% del proprio peso corporeo.

Questa perdita di peso può essere anche un segno di una grave malattia fisica, emotiva o mentale. Nelle prossime righe dunque, vedremo insieme il significato, quando preoccuparsi e tutto quello che occorre sapere in merito.

La perdita di peso o calo ponderale (derivato dall’aggettivo latino pondus, che significa peso) è una condizione che denota la perdita di peso dovuta ad un processo di natura fisiologica o patologica. Esistono due tipi di perdita di peso improvvisa:

  • Fisiologico che, ad esempio, coinvolge i neonati.
  • Indotto, a causa per esempio di un disturbo alimentare o patologico specifico.

Oltre alla perdita di peso, altri sintomi possono essere perdita di appetito, febbre, dolore o sudorazione notturna a causa di una condizione medica di base. Entriamo nel dettaglio!

Calo Ponderale: Dieta

Milioni di persone ogni giorno seguono programmi di perdita di peso. A causa del gran numero di tali procedure e della generale poca conoscenza in merito, sono necessarie linee guida che consentano l’uso di procedure appropriate. Partendo dal principio che la perdita di peso ha un impatto positivo sulla salute, sullo stato mentale e sulla forma fisica. Ad ogni modo, È noto che la riduzione dell’apporto calorico previsto nella dieta influisce sul metabolismo, portando a una “resistenza” alla perdita di peso.

Per calcolare la perdita di peso di una persona, è necessario confrontare i dati esistenti con il suo peso ideale. Per calcolare il peso corporeo ideale, ci sono diverse tecniche di misurazione. Anche l’indice di massa corporea (BMI) di gran lunga più utilizzato a livello clinico è considerato molto affidabile e accurato. Questo valore si calcola dividendo il peso (in chilogrammi) per il quadrato dell’altezza dell’individuo (in metri), ovvero: BMI = peso (in chilogrammi): altezza² (in metri).

calo ponderale

Calo Ponderale e Tumore

Se la bilancia continua a scendere senza motivo, è necessario bussare alla porta del medico. Perdere cinque chili potrebbe essere uno dei primi segni di cancro al pancreas, gastrico, esofageo o ai polmoni. Questo accade perché le cellule tumorali consumano molta energia del corpo per svilupparsi, oppure perché sono in grado di rilasciare sostanze che interferiscono con il normale metabolismo del cibo. Anche il dolore che persiste per settimane e non scompare dopo l’uso di analgesici può essere il segno di un problema.

Il dolore è uno dei primi sintomi del cancro alle ossa o ai testicoli. Un mal di testa che non scompare con le vertigini può essere un sintomo di un tumore al cervello, proprio come un dolore persistente alla schiena può indicare il colon, cancro del retto o dell’ovaio. Anche le febbri persistenti che non possono essere alleviate dai trattamenti ordinari non dovrebbero essere ignorate. A volte la leucemia e il linfoma attaccano il sistema immunitario e il corpo “si difende” con la febbre.

Quando preoccuparsi?

Le persone che notano segnali di pericolo dovrebbero consultare immediatamente un medico. Le persone senza altri segnali di pericolo dovrebbero consultare un medico, se possibile. In generale, non ci saranno problemi o danni anche se l’appuntamento viene confermato una settimana dopo. I medici iniziano ponendo al paziente domande sui sintomi e sull’anamnesi, quindi eseguono un esame fisico. I risultati dell’anamnesi e dell’esame obiettivo di solito suggeriscono la causa della perdita di peso e le indagini da eseguire.

In prima battuta il medico chiederà ai soggetti quanta perdita di peso si è verificata, e da quanto tempo la condizione si è manifestata, quindi porrà le seguenti domande:

  • Si sono verificati cambiamenti nella taglia dei vestiti, nell’appetito e nell’assunzione di cibo?
  • C’è difficoltà ad ingoiare?
  • Si sono verificate variazioni nella frequenza del transito intestinale?
  • Sono presenti altri sintomi come affaticamento, malessere, febbre e sudorazione notturna?
  • Si stanno assumendo farmaci, inclusi prodotti da prescrizione, da banco, ricreativi ed erboristici?
  • Ci sono stati cambiamenti nelle situazioni della vita personale? Ad esempio perdita di una persona cara, perdita di indipendenza o del lavoro, e altri analoghi?

calo ponderale

Cause

Molte volte, la perdita di peso si verifica perché si consumano meno calorie di quelle di cui il corpo ha bisogno, a causa della diminuzione dell’appetito o di una malattia in cui il tubo digerente non riesce ad assorbire i nutrienti (il cosiddetto malassorbimento). Meno comunemente, le persone hanno condizioni mediche che portano a un aumento del consumo calorico (ad esempio, una tiroide iperattiva). A volte, entrambi i meccanismi sono coinvolti.

Il cancro, ad esempio, tende a ridurre l’appetito ma aumenta anche il consumo calorico, che può portare a una rapida perdita di peso. La perdita di peso può derivare da quasi tutte le malattie sufficientemente gravi a lungo termine (p. es., grave insufficienza cardiaca o enfisema). Tuttavia, questi disturbi vengono spesso diagnosticati durante la perdita di peso. Questa sezione si concentra sulla perdita di peso come primo segno di malattia. Insieme all’aumento dell’appetito, le cause più comuni di perdita di peso involontaria sono:

  • Una tiroide iperattiva (ipertiroidismo).
  • Diabete non controllato.
  • Malattie che causano malassorbimento.

Insieme alla diminuzione dell’appetito invece, le cause più comuni di perdita di peso involontaria sono:

  • Disturbi dell’umore (come la depressione)
  • Cancro
  • Reazioni avverse ai farmaci
  • Droga

calo ponderale

Le seguenti informazioni possono aiutare le persone che hanno subito una perdita di peso involontaria a decidere se hanno bisogno di cure mediche e cosa aspettarsi durante questo periodo. Poiché molti disturbi possono causare una perdita di peso involontaria, un medico di solito richiede una valutazione approfondita. Nelle persone con perdita di peso, alcuni sintomi e caratteristiche sono motivo di preoccupazione. Tra questi troviamo:

  • Febbre e sudorazioni notturne.
  • Dolore osseo.
  • Affanno, tosse e tosse con sangue.
  • Aumento della sete e della minzione.
  • Mal di testa, dolore alla mascella durante la masticazione e/o nuovi disturbi visivi (come visione doppia, visione offuscata o punti ciechi) nelle persone di età superiore ai 50 anni.