Carenza vitamina D in inverno, ecco come rimediare

I bambini sono un gruppo ad alto rischio perché alcuni nascono con bassi livelli di vitamina D e altri non sono in grado di assumerne abbastanza attraverso il latte materno, consiglia la BDA. La carenza di vitamina D può essere dannosa per lo sviluppo osseo di neonati e bambini in crescita perché influisce sui livelli di calcio.

La relazione tra la produzione di vitamina D e la luce solare è semplice; più forte è la luce solare, più vitamina D produce il nostro corpo. La quantità di luce solare che riceviamo durante l’estate consente alla maggior parte di noi di produrre livelli salutari senza doverci pensare. Il che è un’ottima notizia, poiché la vitamina è parte integrante della nostra salute. La vitamina D ha un ruolo chiave nella normale funzione del sistema immunitario e nella salute di ossa, denti e muscoli.

Nei mesi invernali dobbiamo pensare alla nostra produzione di questa vitamina. Da ottobre a marzo, la luce ultravioletta del sole non è abbastanza forte durante le giornate più brevi e buie per produrre livelli sufficienti di vitamina D. Invece, a meno che non assumiamo integratori, otteniamo quasi tutta la nostra vitamina dal cibo che mangiamo. Il problema è che anche quando mangiamo i cibi giusti, è improbabile che quei cibi contengano abbastanza vitamina per compensare la luce solare persa.

Mentre gli integratori sono ottimi, è anche importante mangiare una grande quantità di cibi ricchi di vitamina D durante i mesi invernali. La vitamina D può essere trovata in alcuni prodotti lattiero-caseari come le uova, oltre a frutta e verdura come i funghi. Tuttavia, alcuni dei più grandi gruppi di alimenti da considerare sono tanti. Alimenti per pesci grassi e oli di fegato di pesce: come salmone, sardine, aringhe, tonno in scatola e sgombro. Se non ti piace il pesce, un’alternativa può essere quella di assumere integratori di olio di fegato di merluzzo che sono un’ottima fonte di vitamina D. Cibi fortificati: latte vaccino, latte di soia, succo d’arancia, cereali per la colazione e alcune creme spalmabili. Carni rosse: manzo, agnello, maiale, vitello, selvaggina.

I bambini sono un gruppo ad alto rischio perché alcuni nascono con bassi livelli di vitamina e altri non sono in grado di assumerne abbastanza attraverso il latte materno, consiglia la BDA. La carenza di vitamina può essere dannosa per lo sviluppo osseo di neonati e bambini in crescita perché influisce sui livelli di calcio. Possono sviluppare rachitismo, che è una condizione che include crescita ossea stentata, deformità ossee, fratture, convulsioni e dolore. Molti studi hanno supportato questo collegamento tra l’insufficienza e la carenza di vitamina e i problemi alle ossa e agli arti nei bambini. In uno di questi 187 bambini con dolore osseo e deformità, il 32% è risultato positivo per carenza di vitamina D e l’8% aveva carenza di vitamina D.

Leggi anche