Clessidra Tattoo: Significato, Dove Farlo e Come Curarlo

Clessidra tattoo, senza dubbio uno dei soggetti più amati di sempre, soprattutto nello stile tradizionale, quello comunemente definito old school. L’amore per questo soggetto è legato senza dubbio alla sua complessa simbologia e alla percezione che l’essere umano ha della “cosa” più preziosa al mondo: il tempo.

La volontà di vivere intensamente ogni momento, di cogliere l’attimo, di non lasciare che la vita scorra inesorabilmente, ma al tempo il desiderio di fermare i momenti irripetibili, di allontanare lo spettro della temuta vecchiaia e di godersi pienamente ogni istante. Il tatuaggio della clessidra è davvero molto interessante come soggetto da tatuare per sempre su un supporto effimero come il nostro corpo. Se anche tu sei affascinato da questo tattoo ed hai intenzione di tatuartelo, non ti resta che continuare la lettura di questo interessante articolo.

Piccolo, grande, realistico o tradizionale, il tatuaggio della clessidra colpisce al primo sguardo. Sarà che lo “spettro del tempo” aleggia su di noi come un peso per tutta la vita. Sarà che la forma stessa della clessidra da sempre ci attrae (vi dice qualcosa il famoso fisico a clessidra delle pin up?).

Attraverso il vetro di questo magnetico oggetto possiamo vedere e percepire realmente il tempo che scorre via e non torna più indietro. Tutti i significati della clessidra sono quindi inevitabilmente legati al concetto di tempo: il tempo che sfugge, il tempo da cui si fugge, il tempo che si cerca di recuperare. Oltre ad essere magneticamente irresistibile allo sguardo e legato al concetto di tempo, la clessidra è anche un invito alla responsabilità, a capire realmente che le nuvole soffici del cielo che ci sembrano immobili in realtà non lo sono affatto. La vita passa, di conseguenza il tempo non è come il nastro di una vecchia videocassetta che si può riavvolgere e tornare indietro. Non esiste, insomma, il tasto Restart. Bussola e rosa dei venti indicano la voglia di esplorare e spesso sono abbinati alla clessidra.

Anche i granelli di sabbia dentro la clessidra hanno un significato particolare: rappresentano la fragilità dell’uomo in balia degli eventi. Basta un soffio di vento o un movimento che cambia l’andamento dei granelli. Ma nella clessidra ad un certo punto la sabbia si deposita tutta sul fondo e allora non ci resta che girarla e ricominciare: ciò significa che non importa cosa accade nella vita, ci saranno sempre nuovi inizi, nuove possibilità di rinascita e rivalsa. Il tempo non è una linea retta, ma un cerchio, un fluire continuo in circolo come l’infinito.

clessidra tattoo

Il tattoo della clessidra è anche di buon augurio, poiché augura a chi lo indossa di avere tempo per amare, per tornare a sorridere, per essere felice, per crescere e per perdonare.

Questo soggetto tatuato ci ricorda anche che il tempo è qualcosa di concreto, reale, visibile, non solo astratto e impercettibile. Nella clessidra c’è anche un forte legame con la sfera femminile, per le sue forme tondeggianti e lussureggianti che ricordano il corpo della donna.

Dove Farlo

Solitamente questo soggetto viene tatuato sul braccio o sulla gamba. L’importante è che sia tatuato su una parte “piatta” completamente visibile frontalmente per rendere al massimo la possibilità di fruire del soggetto. Può anche essere tatuato insieme ad altri soggetti nello stesso stile (ad esempio old school tradizionale) come rondine, faro, rosa, ancora, veliero o pin up. A seconda dello stile e della grandezza della clessidra, cambia anche la posizione. Se è realistica o fine line caratterizzata da poche linee essenziali, allora può essere anche realizzata in zone come polso e caviglia. Nulla vieta di tatuarsi la clessidra sul petto proprio dove si trova il cuore.

5 Idee a Cui Ispirarsi

La clessidra è bellissima tatuata come soggetto assoluto, soprattutto se in stile tradizionale old school. Spesso se realizzata in questo stile viene combinata con altri soggetti old school come rose, rondini e faro. Solitamente si scelgono soggetti che hanno lo stesso tema di fondo, richiamano quindi il concetto del tempo che scorre, della volontà di cogliere l’attimo e di non sprecare la vita che è un dono prezioso.

Un’altra idea è quella di tatuarsi la clessidra in stile realistico e modificare il contenuto della clessidra, ossia al posto della sabbia scegliere fiori, cuore, teschi o anche l’acqua del mare agitato.

clessidra tattoo

Per chi desidera un tattoo di piccole dimensioni e semplice caratterizzato da poche linee essenziali, può optare per un tatuaggio di una clessidra stilizzata, magari sul polso o sulla nuca.

Molto bella è anche la clessidra watercolor. Semplice, colorata e dai tratti delicati, è gettonata particolarmente dalle donne. C’è anche lo stile new school che è molto amato negli ultimi anni. Volendo si può realizzare questo tatuaggio in questo stile colorato sul braccio o sul polpaccio.

Scegli bene lo stile di tatuaggio che preferisci ed affidati solo ad un tatuatore esperto di quello determinato stile. Non limitarti ad osservare i suoi lavori sui social, ma affidati a consulenze e prova prima gli stencil. Se hai una reference portala al tuo tatuatore di fiducia come modello di ispirazione.

Come Curare il Tattoo Clessidra

Dopo la realizzazione del tattoo, è necessario curarlo bene per almeno 15 giorni e anche una volta guarito va sempre protetto dal sole con creme solari con fattore 50+ e idratato bene con olio di mandorle puro pressato a freddo o burro di karitè. Dopo due ore dalla realizzazione, va lavato bene e rimessa la pellicola protettiva.

La crema curativa va usata dopo due giorni dalla seduta dal tatuatore ed applicata per almeno 10 giorni per tre volte al giorno. Bisogna lasciare respirare la pelle tatuata e non mettere mai crema e pellicola insieme. Bisogna evitare sabbia, sole, terme, cloro, ma anche peli di animali domestici nei giorni immediatamente successivi alla realizzazione del tatuaggio per prevenire infezioni e curarlo al meglio.

clessidra tattoo

Se si desidera preservare la bellezza del tatuaggio, è necessario curarlo bene durante il periodo di guarigione, evitare di grattarsi e staccare pellicine o strofinare la pelle, avendo cura di usare sulla pelle tatuata solo indumenti di cotone o lino. Per qualsiasi dubbio o domanda, consigliamo di chiedere informazioni al tatuatore di fiducia e non affidarsi a notizie lette sul web o sui social.