in

Come rateizzare una cartella esattoriale da casa in modo semplice

Scritta tasse
Scritta tasse-Nataliya Vaitkevich-pexels.com

Tra le diverse sfide affrontate dalle famiglie italiane, vi è anche quella legata alle cartelle esattoriali. Un debito con un ente pubblico o una multa stradale può trasformarsi in una cartella esattoriale, un documento che rappresenta un passaggio cruciale nella gestione del debito con l’amministrazione pubblica.  La cartella esattoriale è un atto esecutivo che, se non viene pagato, può innescare procedure di esecuzione forzata, come pignoramenti, confische e fermi.

Per questo motivo, è fondamentale comprendere come agire prima ancora che la cartella venga emessa ufficialmente. Se la cartella non presenta irregolarità e riguarda un debito effettivamente dovuto e non prescritto, è essenziale rispettare l’atto e procedere con il pagamento. Nell’articolo che segue vedremo che attualmente risulta possibile pagare l’eventuale debito in maniera rateizzata. Ci tengo a ricordare inoltre che la rateizzazione può essere richiesta comodamente da casa, senza raggiungere gli uffici dello specifico ente.

Cosa fare appena si riceve una cartella esattoriale

Fortunatamente, le cartelle esattoriali possono essere rateizzate, offrendo una soluzione adatta a coloro che non dispongono dei fondi necessari per saldare il debito in un’unica soluzione. La procedura di rateizzazione può essere avviata anche autonomamente, in pochi semplici passaggi, da casa.

La ricezione di una cartella esattoriale richiede due azioni immediate. In primo luogo, è essenziale verificare l’accuratezza delle richieste fatte dall’Agenzia delle Entrate Riscossione, valutando se il debito è effettivamente dovuto e se esistono possibilità di presentare ricorso. In secondo luogo, è consigliabile procedere al pagamento per evitare di incorrere nelle procedure di esecuzione forzata menzionate in precedenza.

Qualora fosse necessario, è possibile richiedere alla struttura preposta di rateizzare il debito. Questa procedura può essere completata comodamente da casa, utilizzando un PC, un tablet o uno smartphone. Tale alternativa, rispetto alla tradizionale visita agli sportelli dell’Agenzia delle Entrate, è estremamente agevole.

Esempio di un documento con tasse da pagare
Esempio di un documento con tasse da pagare-Nataliya Vaitkevich-pexels.com

Ecco come rateizzare la somma da casa

Per avviare la rateizzazione della cartella esattoriale da casa, è sufficiente accedere al portale dell’Agenzia delle Entrate utilizzando SPID, CIE o CNS. Dopo aver effettuato l’accesso, è possibile visualizzare l’elenco dei propri debiti e selezionare la voce “Controlla la tua posizione debitoria e paga”. Una volta individuata la cartella di interesse, è possibile avviare la procedura di rateizzazione cliccando su “Rateizza debito”.

Il contribuente deve specificare il numero di rate desiderate, scegliendo tra le opzioni proposte dall’Agenzia delle Entrate in base all’importo del debito. Dopo aver stabilito il numero di rate, è necessario completare la domanda inserendo il proprio numero di cellulare e indirizzo email, confermando i codici ricevuti tramite SMS e posta elettronica. Successivamente, verrà inviata all’indirizzo email indicato la comunicazione delle rate concesse, insieme ai bollettini per il pagamento.

Scritto da Pasquale Arrichiello

A 24 anni ho conseguito una laurea magistrale in Scienze Storiche alla Federico II di Napoli. Oltre alla storia ed alla filosofia, due delle mie principali passioni, ho da sempre coltivato un profondo amore per la scrittura, ed è proprio questo legame ad avermi condotto nel mondo dei copywriter.