Come utilizzare i termosifoni in maniera intelligente per risparmiare sulla bolletta!

Questo è un processo semplice che non dovrebbe richiedere troppo tempo una volta iniziato. Metti un vassoio o un asciugamano sul pavimento sotto la valvola di spurgo.

Milioni di famiglie sentono la stretta sulle loro tasche e il freddo pizzicore sulle loro guance mentre l’inverno prende il via a tutto gas. E con l’aumento dei costi energetici, è importante ottenere il massimo dal riscaldamento per ridurre le bollette energetiche inutilmente elevate.

Ma durante i freddi mesi invernali, non è così semplice come spegnere il riscaldamento per alleggerire le bollette. Anche se alcune famiglie stanno facendo esattamente questo, poiché la crisi del costo della vita costringe alcune famiglie a scegliere tra riscaldarsi o mangiare.

Questo è un processo semplice che non dovrebbe richiedere troppo tempo una volta iniziato. Metti un vassoio o un asciugamano sul pavimento sotto la valvola di spurgo. Questo catturerà eventuali gocce e proteggerà il pavimento da qualsiasi acqua scolorita.

Ora inserisci la chiave di spurgo del radiatore nella valvola finché non si bloccano insieme, tieni il panno vicino alla valvola e sotto il foro di scarico per essere pronto a raccogliere eventuali gocciolamenti.

Termosifone in funzione
Termosifone in funzione – Foto di Ksenia Chernaya/Pexels.com

Fare lentamente un giro in senso antiorario per aprire la valvola; questo permetterà all’aria di fuoriuscire. A questo punto si dovrebbe sentire un sibilo. Continua a girare la valvola fino a quando non è aperta tra un quarto e metà, facendo attenzione a non aprirla completamente per evitare che l’acqua fuoriesca troppo velocemente. Una volta che il sibilo e l’aria cessano e l’acqua inizia a fuoriuscire, tutta l’aria intrappolata è stata scaricata dal radiatore e puoi chiudere la valvola, anche se non serrarla troppo per evitare di danneggiarla.

Non dovrebbero essere necessari più di 20-30 secondi per spurgare completamente un radiatore.  La ruggine sul radiatore potrebbe indicare che ha una perdita. Qualsiasi danno al pannello del radiatore ridurrà la quantità di calore che emette e aumenterà la bolletta, mentre cerchi di portare la tua casa in temperatura. Per non parlare del fatto che le perdite che passano inosservate possono penetrare nelle assi del pavimento o nei soffitti, causando altri problemi che potrebbero richiedere attenzione in futuro come la colorazione.

Puoi davvero risparmiare denaro installando radiatori elettrici in casa? La risposta è si. Anche se attualmente l’elettricità costa di più per chilowattora rispetto al gas, in futuro potrebbe non essere sempre così. I costi di gestione di un radiatore elettrico possono sembrare più costosi del gas, tuttavia, l’efficienza dei radiatori elettrici consente di risparmiare denaro a lungo termine.

Quindi come funziona un radiatore elettrico? Ogni radiatore elettrico contiene un elemento riscaldante che si riscalda e si espande man mano che l’elettricità viene inviata attraverso il sistema. Di solito si tratta di un olio o di un fluido termodinamico chiamato glicole. Quindi, il fluido emana calore mentre si espande, riscaldando l’aria nella stanza. I radiatori elettrici possono essere cablati nel sistema o collegati alla presa elettrica di rete.

Nel frattempo, i radiatori a gas utilizzano un sistema di riscaldamento centralizzato per funzionare. Una caldaia a gas centrale riscalda l’acqua, che poi viaggia attraverso i tubi di casa fino ai radiatori. Man mano che l’acqua calda viaggia, perdi un po’ di calore dai tubi che riscaldano le pareti anziché lo spazio. Inoltre, non è possibile isolare un radiatore dall’altro.