avviso-di-giacenza-bianco
Delia Amendola
Delia Amendola

Avviso di giacenza 2020: Bianco, Verde e Codici Raccomandata

Avviso di giacenza: come capire il contenuto dal colore (bianco, giallo o verde) e i codici delle raccomandate associati ad un avviso di giacenza. Se abbiamo ricevuto un avviso di giacenza la prima cosa che vogliamo fare di solito è capire il mittente, se si tratti di atti giudiziari e le diverse caratteristiche dell’avviso di giacenza. Quando il postino tenta un recapito di una raccomandata al destinatario della stessa, senza riuscire a consegnare fisicamente la lettera, è tenuto a lasciare presso la cassetta della posta un avviso di giacenza.

Si tratta di un cartoncino di diversi colori, a seconda del contenuto della raccomandata. Più spesso, però, può presentarsi sotto forma di una sorta di scontrino che ci comunica del tentato recapito e della possibilità di ritirare la raccomandata all’ufficio postale. Difatti, l’avviso di giacenza non è altro che una comunicazione da parte del postino di un tentato recapito della lettera a noi destinata. Dal momento che il porta lettere non ha trovato nessuno in casa, la lettera o raccomandata in questione verrà riportata all’ufficio postale. Sarà, allora, il destinatario a dover preoccuparsi di recarsi all’ufficio postale per il ritiro entro i giorni stabiliti. Una delle caratteristiche principali dell’avviso di giacenza, inoltre, sono i codici identificativi, tramite i quali risalire al mittente e al possibile contenuto della lettera, prima di proseguire con il ritiro!

Avviso di giacenza bianco

Come abbiamo già accennato, spesso l’avviso di giacenza può presentarsi sotto forma di cartoncino colorato. Nel caso in cui quest’ultimo sia bianco, le comunicazioni potrebbero essere di varia natura:

  • Lettere o comunicazioni semplici
  • Diffide
  • Contestazioni
  • Richieste di pagamento
  • Mancata consegna di un pacco
  • Comunicazioni generiche bancarie
  • Avvisi generici da parte di fornitori di energia elettrica, gas, acqua ecc.

N.B. Queste comunicazioni potrebbero essere associate anche ad un avviso di giacenza di colore giallo, ma mai di colore verde!

Avviso di giacenza verde: gli atti giudiziari

Nel caso in cui l’avviso di giacenza si presenti di colore verde, allora il contenuto della lettera in questione è ben presto svelato: si tratta di Atti Giudiziari. Gli atti giudiziari possono essere:

  • Civili: quindi si parla, in questo caso, di citazioni o ricorsi, atti in appello, atti di pignoramento, ricorso in cassazione, atto di sfratto ecc.
  • Penali: informazioni di garanzia, decreti di condanna, decreti di citazione in giudizio, avviso di fissazione di una udienza preliminari, decreti penali, condanne ecc.
  • Amministrativi: si tratta, in questo caso, di ricorso al T.A.R., ricorso al Consiglio di Stato, Cartella Esattoriale, Ricorso in Ottempranza ecc.

avviso giacenza verde

Raccomandata in Giacenza: i codici

Negli articoli precedenti, ci siamo occupati principalmente dei possibili codici descritti sugli avvisi di giacenza. Oltre il colore dell’avviso di giacenza, infatti, uno dei metodi sicuri per scoprire mittente e contenuto della raccomandata è proprio quello di rifarsi ai codici identificativi. Ogni codice può definire una comunicazione differente, andiamo a vedere i codici principali di cui abbiamo trattato:

  • Codici 75-76-77-78-79: generalmente riferiti ai tanto odiati atti giudiziari
  • 152 e 154: spesso riferiti a comunicazioni da parte di privati, come: solleciti di pagamento, lettera da parte di una compagnia assicurativa, convocazione di una riunione condominiale, comunicazione da parte di un avvocato ecc.
  • 615: spesso riferito ad avvisi importanti, come: casi di irregolarità nei moduli 770 o dell’Unico, comunicazioni riguardanti il bollo auto, richiamo di un autovettura da parte della casa produttrice, comunicazioni riguardanti contributi pensionistici o da parte di Poste Italiane.
  • 614: che si riferisce solitamente a comunicazioni riservate come invio di Carte di credito, PIN ecc.
  • 616 da Bologna, Napoli, Milano
  • 617: riguarda solitamente dei solleciti di pagamento, ma anche comunicazioni da parte di enti pubblici come INPS o INAIL, comunicazione per il controllo di un veicolo.
  • 649: che può contenere, ad esempio, lettere da parte dell’Agenzia delle Entrate, da parte dell’INPS, ma anche comunicazioni bancarie o da parte del fornitore di energia elettrica, gas, acqua ecc.
  • 669: è il codice di comunicazioni generiche ma può anche contenere richiami di autovetture dalla casa automobilistica, comunicazioni da assicurazioni ecc.
  • Codice 648: indica solitamente comunicazioni come multe, avviso di errori riguardanti la dichiarazione dei redditi, solleciti di pagamento o rimborsi.
  • Codici 689, 665: Il primo codice è impiegato spesso per avvisi da parte di Equitalia, Agenzia delle Entrate o comunicazioni da parte dell’INPS come. Si tratta, spesso di un estratto conto assicurativo o di comunicazioni pensionistiche. Il secondo, invece, riguarda spesso l’apertura di conti correnti, la richiesta di un duplicato di una carta o sostituzione di un documento scaduto.
  • 787, 786 e 788: anche questi codici possono contenere atti giudiziari, ma spesso il 787 è impiegato anche per multe, avviso di pagamento per tasse non versate (IMU, TASI, TARI), atti di citazione ecc.
  • 573, 5730: spesso questi codici sono associati al messo Equitalia. In questo caso, spesso, si tratta di comunicazioni da parte dell’INPS o Agenzia delle Entrate che vengono consegnate all’ufficio atti del comune di residenza.

avviso di giacenza raccomandata

Avviso di giacenza: quando e come ritirare una raccomandata

Ritirare sempre la raccomandata in giacenza è una giusta abitudine, anche perché il mancato ritiro potrebbe costituire un problema per lo stesso destinatario. Ciò accade perché la mancata consegna di una raccomandata, notificata comunque tramite un avviso di giacenza, non costituisce una prova di mancata visione da parte del destinatario. Far finta di non aver ricevuto nulla, infatti, non significa che la raccomandata non sia stata notificata da parte del postino. La raccomandata, in questi casi, comunque si dà per ricevuta decorsi i termini di giacenza! Il periodo di tempo dedicato al ritiro di una raccomandata in giacenza è diverso a seconda della tipologia stessa di raccomandata:

  • 15 giorni: per la Raccomandata 1
  • 30 giorni: per Raccomandate generiche
  • 180 giorni: per gli Atti Giudiziari

Inoltre, esistono anche altri metodi per il ritiro di una raccomandata in giacenza, oltre al classico ritiro fisico in ufficio postale:

Ti potrebbe interessare anche…

condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.