Che ne sarà del bidet di Piazza Navigatori?

Di nuovo polemiche sul destino del Bidet, l’albergo di via Costantino, a pochi passi dalla Colombo. La struttura venne voluta dalla Giunta Veltroni per riqualificare l’area: erano previste anche altre strutture, come un asilo, un giardino, sottopassaggi per attraversare la Colombo. Niente di tutto questo venne realizzato, albergo a parte. E’ stato ribattezzato “bidet” dagli abitanti della zona, per la forma e la tinta bianca.

L’idea iniziale

La struttura sarebbe dovuta essere uno dei più begli alberghi a Roma. Avrebbe dovuto avere un ristorante lussuosissimo, spa e centro benessere, sale meeting e 185 stanze. Insomma, una struttura di tutto rispetto.

Invece, come spesso capita in Italia, i lavori si sono fermati, evidentemente i soldi non sono finiti nelle tasche giuste e così l’edificio, appena iniziato, è stato abbandonato. E’ bastato poco tempo per far sparire anche la vigilanza ed aprire la strada a vandali e writers.

Le proposte nel corso del tempo sono state varie: ostello, edificio per abitazioni, appartamenti per studenti universitari. Niente poi è stato fatto e la struttura è rimasta alla mercé di tutti.

La spaccatura

Proprio sul destino dell’albergo c’è stata una spaccatura tra il PD e le altre parti politiche. Il capogruppo Raccio e il sub-commissario Verini del VIII municipio stanno infatti sollecitando il commissario Tronca a continuare con le azioni al Tribunale di Roma. In sostanza, l’idea sarebbe quella di liquidare l’albergo e realizzare le altre strutture previste (sottopasso, asilo ecc).

La proposta non è stata ben vista dal presidente Catarci, che ribadisce l’inesistenza di alternative alla realizzazione delle opere previste.

Insomma, niente è stato deciso e niente è cambiato: il Bidet rimarrà, almeno per ora, in questo stato di abbandono e degrado.

Le opere incompiute

Roma (come l’Italia) è piena di opere non compiute. E con non compiute non intendiamo mai iniziate (magari!), ma peggio: iniziate e poi abbandonate così.

La lista è lunga: basti pensare al palazzetto del nuoto di Tor Vergata, alla metro C che per ora resta incompiuta, ma anche quando finirà sarà in ritardo di millenni, l’ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino.

E abbiamo citato solo alcuni tra i più grandi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.