Caffè: valori nutrizionali e calorie con zucchero, cappuccino e ginseng

Bere un caffè di qualità è ormai diventata una vera e propria esigenza per un gran numero di italiani. La cara e vecchia moka, infatti, sta per essere rimpiazzata quasi completamente dai modelli di macchine per il caffè espresso disponibili sul mercato. Queste macchine hanno il pregio di realizzare un espresso buono come quello del bar, direttamente a casa vostra, ad un prezzo sempre più conveniente (i modelli disponibili sul mercato arrivano addirittura ad un prezzo base di 50 euro). Ma la scelta, in questo caso, non è facile perché ci sono modelli differenti, che propongono un sistema a capsule, un sistema a cialde oppure un sistema a caffè macinato. Quale di questi modelli scegliere? Il caffè mantiene le stesse proprietà nutritive in ognuno di questi sistemi? In questo articolo cercheremo di fornirvi una piccola panoramica sull’argomento.

Le qualità nutrizionali del caffè in cialde

In realtà, le proprietà nutritive del caffè restano le stesse per ciascuno di questi tre sistemi. La differenza più consistente è, però, nella quantità di caffè contenuto nella cialde, nelle capsule o nel caffè macinato che viene introdotto nella macchina. Per quanto riguarda la prima categoria, infatti, il caffè contenuto dalle capsule è variabile a seconda della marca e, di conseguenza, non è mai lo stesso. Di conseguenza cambiando la quantità di prodotto, cambiano anche i valori nutrizionali ad essa correlati. Per quanto riguarda, invece, il sistema a cialde e il caffè macinato, dobbiamo innanzitutto dire che le cialde hanno una quantità di caffè predeterminata e che è uguale per tutte le marche. Questa quantità di caffè è la stessa che si impiegherebbe riempiendo l’apposito vano con del caffè macinato e, di conseguenza, i valori nutrizionali del caffè restano perlopiù invariati. Ci troviamo, dunque, davanti a dei valori nutrizionali che sono sempre gli stessi e che saranno, ad ogni modo, indicati sulla marca di caffè in cialde da noi prescelta.

Per questa ragione scegliere un sistema a cialde, che abbia magari anche la possibilità di utilizzare del caffè macinato, è preferibile rispetto al sistema a capsule. La quantità di caffè, infatti, è sempre la stessa e questo ci garantisce uguale qualità e apporto nutrizionale su ogni caffè erogato. Inoltre le cialde, come del resto il caffè macinato, hanno un impatto ambientale decisamente minore rispetto al sistema a capsule, le quali non sono riciclabili e ci costringono, per questo, ad essere buttate nella raccolta indifferenziata, contribuendo così ad inquinare l’ambiente per forza di cose. Un altro grande pregio del sistema a cialde, inoltre, è che è estremamente comodo e richiede uno sforzo minimo per erogare il caffè, ad un prezzo che è decisamente più sostenibile rispetto a quello delle capsule che sono, invece, molto più costose.

Il nostro consiglio, dunque, è quello di scegliere un sistema a cialde combinato con la possibilità di utilizzare del caffè macinato. In questo modo potrete scegliere direttamente la qualità di caffè che desiderate, sapendo esattamente che tipo di miscela state utilizzando (molte capsule, infatti, si limitano a dare una descrizione del gusto finale, senza specificare nel dettaglio la provenienza del caffè utilizzato e se sia questo un cento per cento arabica, robusta o una miscela delle due qualità di caffè).

Speriamo, dunque, che grazie a questa piccola e breve panoramica possiate orientare la vostra scelta sulla migliore tipologia di macchina da caffè disponibile sul mercato e possiate optare per la realizzazione di un caffè di qualità grazie ad una scelta accurata della tipologia del caffè da voi scelto, tenendo conto, dunque, anche dei valori nutrizionali ad esso correlati.

Valori nutrizionali caffè macinato o espresso

Quando si beve del caffè, che sia espresso, lungo o macchiato, quante calorie si stanno introducendo nell’organismo e quali sono i valori nutrizionali di questa bevanda? In generale si può affermare che 100 grammi di caffè espresso apportano all’organismo 2 kilocalorie, delle quali l’80% sono grassi ed il 20% circa carboidrati. In 100 grammi di caffè, 97 grammi sono di acqua, 200 mg di caffeina, 120 mg di proteine, 180 mg di grassi e 230 mg di ceneri; possiamo anche trovare pochi milligrammi di minerali come calcio (2 mg), ferro (0,13 mg), magnesio (80 mg), potassio (115 mg), fosforo (7 mg), sodio (14 mg), zinco (0,05 mg), rame (0,05 mg), manganese (0,05 mg).

E le vitamine? Se ne trovano pochissime nell’ordine dei milligrammi o dei microgrammi e sono generalmente niacina (vitamina B3, 5,2 mg), vitamina E (0,01 mg), vitamina K (0,1 mg), gamma-tocoferolo (0,01 mg), riboflavina (vitamina B2, 0,17 mg), vitamina C (0,2 mg), acido pantotenico (vitamina B5, 0,03 mg), tiamina (vitamina B1, 0,001 mg), colina (2,6 mg) e piridossina (vitamina B6, 0,002 mg). Tra i grassi presenti, in 100 grammi di espresso ci sono acido palmitico (0,04 g), acido oleico (0,015 g) e acido linoleico (0,09 g).

calorie cappuccino

Calorie Caffè espresso e in cialda

Tipologia Calorie
Caffè solo 2Kcal
Caffè con lo zucchero 20 Kcal
Caffè con il miele 30 Kcal
Caffè macchiato latte intero 10 kcal
Caffè macchiato latte scremato 5 Kcal
Cappuccino latte intero 110 Kcal
Cappuccino latte scremato 70 Kcal

Come abbiamo visto le proprietà nutritive del caffè rimangono le stesse per i caffè in cialda, in capsula ed anche per il classico macinato e ciò vale anche per l’apporto calorico, che è sempre di 20 kcal/100 grammi di espresso. Il caffè è un alimento in grado di stimolare il metabolismo a bruciare i lipi accumulati, quindi viene da molti considerato un alimento a calorie negative, ovvero che per essere metabolizzato necessita di più energia di quanta ne fornisce. Si calcola che per smaltire una tazzina di caffè espresso (senza latte o correzioni) l’organismo consumi circa 20 kcal e ne apporti invece circa 2kcal. E’ sconsigliato consumare molto caffè per dimagrire perché potrebbe portare a problemi di nervosismo, ipertensione ed insonnia.

Non tutti però bevono l’espresso amaro: molti ci aggiungono lo zucchero, altri un po’ di latte, alcuni lo correggono con bevande alcoliche; esiste poi anche il caffè al ginseng ed il cappuccino. Quali sono i valori calorici di queste aggiunte e variazioni?

Calorie caffè macchiato e calorie cappuccino

calorie caffè macchiato

Il caffè macchiato con latte intero arriva a circa 10 kcal, mentre macchiato con latte scremato a sole 5 kcal; questo perché il latte intero è più ricco di grassi di quello scremato, cui è stata tolta la maggior parte della componente lipidica. Allo stesso modo, un cappuccino con latte intero apporta 110 kcal, mentre con latte scremato scende a 70 kcal. Per quanto riguarda le correzioni, generalmente l’apporto calorico dipende dalla percentuale di alcol nel liquore, ma si arriva più o meno a 25 kcal (lo stesso valore di un caffè con una bustina di zucchero).

Caffè e zucchero calorie

Una ricerca dell’Università di Barcellona ha sdoganato l’aggiunta dello zucchero al caffè: non fa male, anzi, la combinazione di caffeina e zucchero migliora l’efficienza delle aree cerebrali deputate al mantenimento della concentrazione e della memoria. Una tazzina di caffè con una bustina di zucchero bianco arriva a 30 kcal e – sorpresa – lo zucchero grezzo di canna non è meno calorico, nonostante sia meno raffinato e quindi più sano. Un cucchiaino di zucchero bianco o grezzo, invece che una bustina, porta la kcal per tazzina a 20.

Ed il miele? Le calorie di un cucchiaino di miele portano il caffè a 30 kcal. Il miele è leggermente più calorico dello zucchero, ma ha anche un potere dolcificante maggiore quindi se ne può usare meno per ottenere lo stesso effetto. In compenso però il miele contiene molti zuccheri complessi, di difficile assimilazione. Né zucchero né miele sono alleati nella dieta. I dolcificanti si sono diffusi negli ultimi anni come alternativa allo zucchero per rimanere in forma; infatti il dolcificante non è calorico, quindi l’espresso rimane fermo a 2 kcal. Alcuni studi hanno però rivelato i rapporti tra i dolcificanti ed il diabete.

Calorie ginseng

Il caffè al ginseng è un’alternativa al caffè tradizionale; è una bevanda naturale che si ottiene da estratto di ginseng, crema di latte, caffè istantaneo e zucchero. Una tazza di caffè al ginseng di dimensioni uguali a quelle di un caffè espresso apporta 70 kcal, valore che aumenta se la tazza è media o grande e se ci si aggiunge zucchero o miele.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.