Carta Hype
Antonio Bartolini
Antonio Bartolini

Carta Hype: Recensioni Negative, Hype 10 euro, Contatti e Registrazione

Indice

HYPE è una carta di pagamento prepagata ricaricabile emessa da Banca Sella, offerta in più versioni. Tale carta possiede tutte le caratteristiche ricercate dalla clientela moderna, motivo per cui viene definita anche carta conto. Le carte conto sono particolari carte di credito ricaricabili dotate di codice IBAN, caratteristica che le rende del tutto simili ad un conto corrente tradizionale. Come per qualsiasi altro prodotto analogo, troviamo dei pro e dei contro, ma come potremo vedere Carta Hype gode di una buona popolarità da parte dell’utenza. In questo articolo vedremo eventuali recensioni negative di carta Hype, quali sono i contatti, il bonus 10 euro, come registrarsi, le funzionalità e i limiti.

Carta Hype: recensioni negative

Come anticipato, carta Hype è una carta conto prepagata ricaricabile che gode di una buona popolarità da parte della clientela, anche perché alle spalle c’è un istituto serio e sicuro. Chiaramente nessun prodotto è perfetto al 100%, e l’utente insoddisfatto è sempre dietro l’angolo. Tra le principali lamentele riportate dalle varie recensioni online, possiamo trovarne qualcuna sul servizio assistenza. Questo viene infatti giudicato non sempre impeccabile e puntuale, nonché causa di alcuni disguidi. Altri clienti lamentano invece un processo di registrazione al servizio non privo di intoppi. Infine qualche utente considera troppo elevati alcuni dei costi legati a determinate operazioni, situazione discordante rispetto alla gratuità assicurata dalle forme di sponsorizzazione della carta. Anche per quanto riguarda la connessione all’home banking, viene giudicata piuttosto ballerina, quindi con un servizio intermittente.

Carta Hype 10 euro

In alcuni periodi, per Carta Hype è disponibile un’interessante promozione, ovvero un bonus da 10 euro nel momento in cui si presenta un amico. Per avere diritto a questo premio, si devono chiaramente rispettare alcune condizioni. In fase di registrazione, verrà richiesto un codice promozionale, fornito dall’amico che ci ha presentato il servizio. Una volta completata tale registrazione, ed effettuata una prima ricarica senza importo minimo, entro qualche giorno lavorativo riceveremo il bonus. Vogliamo ricordare che la promozione è valida per entrambe le parti, ovvero chi presenta il prodotto, e chi ne usufruisce. Ad ogni modo, per le condizioni dell’offerta, è sempre opportuno fare riferimento al sito ufficiale.

Carta Hype: contatti

Ovviamente per la clientela di carta Hype, esiste la possibilità di mettersi in contatto con il servizio clienti di Banca Sella, ovvero l’istituto emittente della carta stessa. Per farlo, è possibile utilizzare due differenti canali, ovvero:

  • Chat online presente sul sito ufficiale
  • Inviare una mail all’indirizzo [email protected]

Inutile sottolineare come in caso di problematiche urgenti, sia da preferirsi il canale della chat online.

Carta Hype: registrazione

Dove si acquista la carta HYPE? Attivare una nuova carta HYPE è davvero facilissimo. Una volta avviata la fase di registrazione, e inseriti i dati richiesti, verrà richiesto l’upload dei documenti in corso di validità. In un secondo momento anche un selfie con affianco tali documenti. Questo è indispensabile per il riconoscimento dell’utente. Terminata questa fondamentale fase, entro qualche giorno di riceverà comodamente al proprio domicilio la carta. Se tutto il processo sarà andato a buon fine, non occorreranno più di 5/10 minuti per la registrazione.

Carta Hype: funzionalità

Una delle chiavi del successo di Carta Hype, è data dalle molte funzionalità che questa offre. Innanzitutto, è possibile inviare e ricevere bonifici bancari come accade per qualsiasi conto corrente, ma senza doversi far carico di tutti i tradizionali costi e iter burocratici. In secondo luogo, sarà possibile utilizzare carta Hype come una comune carta di credito, ovviamente avendola preventivamente ricaricata. Sarà possibile quindi effettuare pagamenti presso gli esercenti commerciali, ma anche sugli shop online. Per quanto riguarda la prima possibilità, carta Hype è dotata anche della tecnologia Contactless, quindi si potrà pagare importi fino a 25 euro senza nemmeno digitare il PIN, ammesso che il POS del commerciante sia abilitato. Vogliamo ricordare come la carta faccia parte del circuito Mastercard.

Con carta Hype è inoltre possibile fare ricariche telefoniche, pagare le bollette delle utenze di casa, ed effettuare prelievi agli sportelli bancomati ATM o postali, secondo quelli che sono i limiti operativi, differenziati sulla base della versione di Hype. Il punto forte di carta Hype, è che la totalità delle operazioni può essere fatta comodamente online, sia dall’app per smartphone, che via browser da pc. Tra queste operazioni, troviamo ovviamente la possibilità di consultare il saldo e la lista movimenti. In altre parole, è possibile godere di tutte le possibilità offerte dai sistemi di home banking tradizionali, solamente con costi più contenuti. Per quanto concerne la domiciliazione delle utenze, questa è possibile solamente con il piano Plus.

Carta Hype: costi e limiti

Carta Hype è gratuita nel formato HYPE START. Tale piano ha un limite di deposito pari a 2.500 euro. Nella versione HYPE PLUS invece, la carta ha un canone di 1 euro mensile, ma in questo caso con un limite di deposito fino a 50.000 euro. Non sono previsti costi per sottoscrivere la carta, né per riceverla al proprio domicilio. Come spiegato precedentemente, il basso costo di gestione della carta, è uno dei maggiori punti di forza di Hype. Per quanto concerne il piano Start, questo è sottoscrivibile dai 12 anni di età, chiaramente con la firma di uno dei genitori o del tutore legale. In altre parole, la carta in questo caso può essere utilizzata per dare al minore la “paghetta”, potendone chiaramente controllare i movimenti. Dobbiamo precisare inoltre, che è sempre possibile la migrazione tra il piano Start e quello Plus, nel momento in cui ci si rendesse conto che il primo è insufficiente alle proprie esigenze. Per quanto concerne i prelievi, questi sono gratuiti se effettuati dagli sportelli bancomat Atm di Banca Sella, mentre per gli altri istituti è prevista una commissione variabile. Per ragioni di praticità, di seguito un riepilogo dei principali costi e limiti di carta Hype.

Hype Start

  • Importo ricaricabile con singola operazione: 1.000 euro.
  • In un giorno: 1.000 euro.
  • In un mese: 2.500 euro.
  • Importo massimo disponibile sulla carta: 500 euro.
  • Importo massimo singola spesa: 999 euro.
  • Prelievo massimo giornaliero: 250 euro.
  • Prelievo massimo mensile: 1.000 euro.

Hype Plus

  • Importo ricaricabile con singola operazione: 1.000 euro.
  • In un giorno: 4.990 euro.
  • In un mese: 20.000 euro.
  • Importo massimo disponibile sulla carta: 000 euro.

Per quanto riguarda gli scambi di denaro tra utenti Hype, questi sono sempre gratuiti con entrambi i piani, esattamente come i bonifici in area Sepa. Per le ricariche con altre carte invece, è prevista una commissione di 0,90 euro, ma con il piano Plus sono previste tre ricariche gratuite mensili. Tra i vari modi per ricaricare la carta, essendo questa dotata di codice Iban, è previsto il bonifico. In questo caso però, il metodo non è istantaneo e prevede un tempo di contabilizzazione di 2-3 giorni lavorativi. La ricarica è possibile anche nelle tabaccherie convenzionate, ma è prevista una commissione di 3,50 euro. Di contro, questo metodo è istantaneo.

Carta Hype: in conclusione e alternative

Carta Hype è una delle più note carte conto prepagate ricaricabili. Come abbiamo potuto vedere, la carta è dotata di moltissime funzionalità, tutte fornite con costi di gestione e delle operazioni piuttosto contentuti. Ad ogni modo, il panorama delle carte conto è davvero molto vasto, e prima di sottoscrivere Hype, sarebbe opportuno fare una comparazione con altre offerte. Tra le principali vogliamo ricordare:

  • Postepay. Probabilmente la carta più famosa del mercato italiano, nonché la prima.
  • Paypal
  • n26. Una delle carte prepagate più convenienti in circolazione, con costi inferiori alla classica Postepay. Tra i principali punti di forza, troviamo l’assenza di un canone annuo.
  • Revolut. A modello di carta conto, quindi dotata di codice IBAN, estremamente vantaggiosa.
  • Soldo. Variante aziendale di una carta prepagata.
  • Monese. Questa carta prepagata offre tre differenti profili, sulla base del tipo di utilizzo effettuato.

condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email