Comprare gli alimenti su Amazon? la guida allo store

Nel logo di Amazon c’è una freccia – che ricorda un sorriso – che va dalla A alla Z del nome del principale negozio on-line, a simboleggiare che, su questo portale, si può trovare di tutto.
Da oggi possiamo immaginare che la A stia per alimenti. Sull’esempio dei portali di altre nazioni, infatti, anche Amazon Italia ha iniziato la distribuzione di prodotti alimentari.

Che interesse c’è a comprare gli alimenti su Amazon?

Attualmente le marche in vendita sono le più popolari e affermate sul mercato, disponibili anche nella grande distribuzione, che conserva, mediamente, prezzi concorrenziali.

Se il portale di Jeff Bezos non può ancora dirsi conveniente sul piano economico per quanto riguarda gli alimenti, però, è già interessante a livello di varietà dei prodotti disponibili, almeno limitatamente ad alcuni settori.

 

I marchi commercializzati sono per lo più quelli prodotti dalle grandi multinazionali del cibo che si trovano in quasi tutti i supermercati, infatti, ma già colpisce la completezza di alcune gamme proposte.

 

Quali alimenti si trovano su Amazon?

 

Per adesso il reparto alimenti è una sezione relativamente limitata del reparto casa, e contiene solamente cibi non deperibili, ovvero quelli con “scadenze lunghe” e che non richiedono particolari accorgimenti per la conservazione e il trasporto. Niente surgelati e alimenti freschi, quindi, ma solo prodotti che arrivino al consumatore intatti e sicuri.
Molto ampia è la selezione di ingredienti per bevande calde, nella quale si trovano anche infusi e tè alla frutta sotto forma di capsule per macchine del caffè espresso, principalmente compatibili con macchine Nespresso e Lavazza.

Accanto ad essi, colpisce l’ampia disponibilità di prodotti Yogi Tea, una marca di infusi ayurvedici solitamente distribuita nei negozi e supermercati di alimenti biologici e una mezza dozzina di marche di tè matcha.

Meno interessante è l’offerta di succhi di frutta, fra i quali ancora non figurano – ad esempio – prodotti senza zucchero.

 

Scarsa, invece, la sezione “legumi, riso e farine”, in cui non spiccano prodotti particolarmente rari, e in cui la totale assenza di legumi secchi e di farine di legumi è una carenza lampante, che andrà sopperita al più presto, se davvero Amazon vorrà diventare un punto di riferimento affidabile per i consumatori.

 

Anche nello scaffale virtuale della pasta non troviamo ancora nulla che non sia anche nel supermercato sotto casa e l’offerta di pasta senza glutine o fatta con cereali alternativi al frumento è quantomai ridotta.

 

Le etichette dei vini, infine, sono tutt’altro che entusiasmanti, per non parlare delle birre, massicciamente provenienti dal gruppo Heineken.

 

Si difende meglio il reparto degli snack (pare che, per iniziare, Amazon abbia deciso di puntare sul facile binomio “film&patatine”), nel quale, accanto a prodotti non esattamente salutari, c’è una buona scelta di frutta secca al naturale ed essiccata.

Probabilmente in base alle stesse logiche, anche il reparto dei cibi in scatola e quello dei sughi pronti e delle salse per le patatine sono ben forniti.

 

Per chi è il negozio di alimentari Amazon

 

Allo stato attuale della sua fornitura, la sezione dedicata agli alimenti dello store Amazon non è poi così attraente.
Le marche e i prodotti offerti non sono diversi da quelli che si trovano, a prezzi inferiori, nei comuni supermercati.
A meno, che, quindi, non si risieda in una zona particolarmente poco fornita e/o non si abbiano gravi difficoltà a spostarsi, non è conveniente eleggere Amazon come il proprio nuovo fornitore di alimenti.
Se in futuro, però, il settore conoscerà l’espansione che hanno conosciuto gli altri, e sarà possibile acquistare anche prodotti di marche meno facilmente reperibili, anche questo reparto diventerà attraente per il consumatore, che al vantaggio di scegliere fra molti marchi assocerà la comodità di ricevere la sua spesa a casa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.