Dieta dukan, la dieta delle polemiche

Se ne sente parlare ovunque. Riviste femminili, rotocalchi, periodici di gossip che ne pubblicizzano l’uso da parte del vip di turno: la Dieta Dukan è certamente il regime alimentare che sta godendo in questi anni di più successo, se non altro dal punto di vista mediatico.

Internet è stato di certo il suo punto di forza, se è vero che online si trovano ormai più di 150 forum femminili e non per scambiarsi consigli, opinioni, ma anche lamentele su quella che molti hanno etichettato quasi subito come ‘dieta miracolosa’.

Una dieta controversa

Una cosa è certa: non è una dieta che non si è portata dietro polemiche ed accuse. Il suo creatore, Pierre Dukan, radiato dall’ordine dei medici francesi nel 2012, si narra, per sua stessa richiesta, dopo vari procedimenti disciplinari a suo carico, a seguito di varie cause giudiziali legate proprio alla sua Dieta.

Dopo aver ricevuto richiami sul suo comportamento come medico dall’Ordine e, dopo averli ignorati, anche una denuncia, Pierre Dukan ha lasciato la Francia, non prima di aver inviato una lettera al Presidente della Repubblica francese, proponendo di diminuire i crediti universitari per gli studenti in sovrappeso.

Una figura perlomeno discutibile, insomma, che ha basato la sua fortuna su una dieta copiata (dalla Atkins) e sul sistema della vendita diretta che utilizza la rete come strumento di massimizzazione delle vendite e della diffusione.

Diete chetogeniche, iperproteiche, dieta Atkins

La dieta è, in sostanza, iper proteica. Contempla circa un centinaio di alimenti, prevalentemente di carne e pesce da ingerire della prima di quattro fasi.

Le quattro fasi

Questa è la fase d’attacco, la fase in cui il corpo perde più peso, prevalentemente basata su proteine pure. Gradualmente si reintegrano le verdure, ma solo alcune, per il periodo ‘crociera’, più lungo, meno aggressivo. Alla fine di questo, si dovrebbe aver perso i chili desiderati e bisogna iniziare il mantenimento che si protrarrà in rapporto a quanti chili si sono persi. Dieci giorni per ogni chilo perso nei casi più gravi, tre nei casi di perdita di minor peso. Infine, la fase di stabilizzazione, a lungo termine per il peso ideale.

Risultati?

A leggere nei forum, i risultati ci sono, in centinaia di commenti che però evidenziano le difficoltà e gli ‘effetti collaterali’ di questa dieta. Innanzi tutto, parametri sballati nei risultati delle analisi delle persone a dieta ed in particolare nella glicemia e nel colesterolo. Problemi di stitichezza con degenerazioni di vario genere. Non ultime le poco appetitose abitudini alimentari che poco si associano alla cultura culinaria italiana, come ad esempio, il dover imparare a far colazione o merenda con la crusca d’avena per tutta la vita, alimento consigliato proprio contro la stitichezza da molte altre diete, ma dall’appetibilità zero.

Polemiche

I tutorial e le guide online contribuiscono a fidelizzare gli utenti e a dare loro ricette e consigli alimentari, ma anche in questo caso sono sorte polemiche su un sistema che da molti è visto come un mezzo per ‘vincolare’ la clientela a vita.

Vip e sponsor della dieta

D’altro canto gli sponsor tra i vip contribuiscono alla notorietà della dieta, l’ultima in ordine cronologico Kate d’Inghilterra, illustrando risultati esemplari ed alimentando la fama del ‘miracoloso’ che rischia però di illudere chi ha problemi seri di obesità e pensa di intraprendere questa dieta senza un accurato consiglio e controllo medico.

I casi finiti in Tribunale non sono pochi, proprio per l’illusione indotta a poter gestire situazioni che vanno ben oltre i 5 chili in più prima della prova costume. Infatti, nelle FAQ del sito della dieta, da qualche tempo appare anche la dicitura che per chi ha patologie particolari, è meglio seguire la dieta solo sotto consiglio medico. Un accorgimento di buon senso, ma che non sempre risulta così scontato per l’utente medio.

Francesca Marrucci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.