Perdere peso con l’alimentazione in 30 giorni

Tempo di mare, vacanze e la prova costume in agguato

Non abbiamo molte scelte e lo specchio non mente, il periodo delle cioccolate calde, degli arrosti e del liquorino ha inesorabilmente lasciato il segno sul nostro corpo, mesi di pigrizia da pantofole e divano ha fatto il resto, e si vede sia allo specchio sia puntando l’ago della bilancia.

Mesi di “intossicazioni” alimentari causate da cibi troppo proteici e grassi ha bisogno di una scossa per un rapido smaltimento il più indolore possibile, chiaramente se l’alimentazione ha provocato il danno, con la stessa dobbiamo anche risolverlo, vediamo come.

Per un rapido smaltimento delle tossine e grassi

Il metodo più efficace per eliminare grassi e accumuli di materiale estraneo al corpo, è da sempre il digiuno, questo può essere fatto in due modi differenti, digiuno con solo acqua leggera o con aggiunta di succo di limone, con i quali oltre che apportare vitamine e minerali da anche un senso di assimilazione maggiore.

Per un’azione efficace del digiuno occorre fare almeno due giorni consecutivi senza cibi solidi, ma appunto liquidi come l’acqua, da consumarne minimo un paio di litri il giorno bevendo durante tutto l’arco della giornata facendo piccoli sorsi e a intervalli quasi regolari.

Il digiuno al contrario di quanto normalmente si creda, non provoca debolezza, almeno nella fase iniziale e per un tempo limitato di un paio di giorni, per i digiuni brevi nei quali il corpo cannibalizza se stesso smaltendo tossine e grassi in eccesso ma senza affaticare l’apparato digerente né il fegato, in questa fase si può notare un incremento delle forze ed energia, poiché risparmiate proprio dal non consumo fatto dalla digestione.

L’alimentazione di mantenimento e dimagrimento

Dopo la fase di digiuno sarà opportuno adottare un’alimentazione leggera, quindi vanno eliminati per tutto il periodo di smaltimento del peso, alimenti come, pasta pane, carni e formaggi, orientandosi verso un’alimentazione principalmente vegetale, quindi frutta e verdure crude o cotte al vapore.

Uno schema tipo dovrebbe essere di almeno cinque o sei “pasti” il giorno, due volte frutta e mandorle la mattina, pranzo insalate o altre verdure, altra frutta nel pomeriggio un paio di volte fino a prima di cenare, per frutta s’intendono mele, pere o quella disponibile, poi per la cena come il pranzo variando tra cotto e crudo.

Quattro settimane e si torna in forma

Questa metodica mista tra alimentazione e digiuno avrà un duplice effetto, si perde peso e nello stesso tempo disintossica, questo vuol dire che il corpo reagirà con molta più efficacia poiché non sovraccaricato da cibi che richiedo energia nella fase digestiva, che come noto è quella che consuma la maggior parte delle forze di ogni individuo, cibi leggeri e digiuno rimettono a nuovo anche il corpo più compromesso!

Un po’ di attività fisica per il tono muscolare

Nei giorni precedenti il digiuno e l’attività fisica contribuisce al ripristino del tono muscolare, attività leggera, camminata veloce per 4/5 chilometri ed esercizi di stretching senza esagerare nelle fasi iniziali, abbinare almeno 15 minuti di respirazione profonda e rilassante.

I cambiamenti più evidenti al termine delle quattro settimane saranno la perdita di peso, una forza e resistenza maggiore e non ultimo una pelle rinnovata e luminosa, come diceva Ippocrate: “fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.