Acne, cosa conoscere su questa malattia

Acne, una questione da considerarsi come una malattia persistente sulla pelle che porta anche a forme di infiammazione delle ghiandole sebacee. Imparare a conoscere questa malattia è importante.

Acne e Bellezza

Il tema dell’acne riguarda l’infiammazione delle ghiandole sebacee, inoltre viene sentito molto sul piano dell’estetica.

La fascia di persone colpite da questo disturbo è dell’80% e tra i soggetti che la sviluppano vengono annoverati:

  • adolescenti
  • bambini
  • adulti

Nell’ultimo caso molte più donne che uomini vivono il problema estetico e questo comporta spesso spese in creme, una delle più conosciute tra queste è Rilastil.

Acne un problema che non riguarda solo l’adolescenza

Come poco sopra accennato, questa malattia che colpisce la pelle riguarda donne, bambini, adolescenti e quindi differenti fasce d’età. Il dato sull’età indica che il 35% delle persone colpite è compresa tra i 30 e i 40 anni.

Va detto comunque che nell’adolescenza sono maggiori le probabilità che tale malattia si sviluppi ecco perché può trarre in inganno ed essere attribuita così erroneamente ad un unica fascia d’età.

Acne come Malattia, maggiori informazioni

L’acne è un disturbo delle ghiandole che si collocano di fianco ai follicoli piliferi. Tali ghiandole, sono chiamate ghiandole sebacee e sprigionano una sostanza oleosa definita in gergo tecnico come sebo.

Ogni persona ha queste ghiandole e la secrezione di sebo è un fattore normale, ma le persone che hanno l’acne sono quelle la cui grandezza rispetto a tali ghiandole è maggiore e quindi anche il rilascio di sebo di conseguenza aumenta nella pelle. Per evitare che tale iper produzione di sebo possa attirare anche forme parassitarie che si installino nella pelle durante la fase di rilascio di queste sostanze creme come la Acnestil sono molto efficaci, si parla sempre della medesima linea Rilastil che sviluppa prodotti adatti a contrastare tale problema che come detto si riversa anche sul lato estetico e spesso condiziona negativamente sia persone adolescenti che donne e persone adulte.

Come diagnosticare questa Malattia

Si deve andare da un dermatologo se si intende diagnosticare questa malattia.

Nella stragrande maggioranza dei casi comunque uno specialista può effettuare la diagnosi esaminando la pelle che presenta il sintomo e quindi semplicemente osservando il tipo di evidenza sul derma.

Ovviamente una menzione va fatta anche sulle cause scatenanti e sui fattori di rischio che possono portare allo sviluppo di questa malattia.

Una causa precisa e universale quando si parla di acne non è nota ma molte ricerche evidenziano fattori comuni di tipo genetico e ambientale che portano allo sviluppo delle cause che determinano questa malattia.

Vengono chiamati fattori di rischio quelli nei quali ad esempio vi è una situazione in cui determinati componenti della famiglia in precedenza avessero sviluppato la malattia, tali fattori sono quindi genetici come accennato, poi vi è la componente ambientale non è difficile infatti notare nella vita quotidiana come taluni elementi possano essere in grado di scatenare i sintomi dell’acne e causare lo sviluppo di brufoli. I fattori che possono scatenare questa malattia sono differenti, e variano da soggetto a soggetto. Quando si tengono presenti ci si può regolare sugli stessi oltre a trattarli con creme e/o grazie a personale esperto al quale rivolgersi.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.