Fiori commestibili, siete pronti a piantarli del vostro giardino?

La semina di successo per fiori commestibili che sorprenderanno i nostri ospiti.

Siete pronti a rallegrare il vostro giardino con dei meravigliosi fiori commestibili? Queste bellezza della natura sapranno sicuramente sorprendere i vostri ospiti con un piatto ben presentato. La semina giusta però ci aiuta a farlo nel migliore dei modi. Si tratta di una pratica molto semplice che tutti possono eseguire. Ecco alcuni consigli essenziali per avere un giardino colorato.

Come seminare nel modo giusto

In generale, possiamo dire che le piante producono dei fiori commestibili che crescono in luoghi dove c’è il sole o dove c’è umidità moderata. Se ci sono queste condizioni, potete infatti, seminare i vostri semi senza nessun problema, indipendentemente dalla disposizione del vostro giardino. Possiamo ad esempio, piantarli in giardino, in un orto, sul balcone o in terrazza. La cosa fondamentale è che non deve mancare un buon terreno e uno spazio per esporre la piantina al sole.

Se vogliamo ottenere dei fiori commestibili sani e biologici, dobbiamo evitare di usare fertilizzanti o pesticidi nel nostro giardino. E’ importante usare solo concimi naturali o composti fatti in casa. Se il terreno si contamina da pesticidi nocivi, non possiamo più mangiare i nostri fiori. Per eliminare i prodotti tossici, il periodo di attesa può essere di diversi giorni o alcuni mesi.

Fiori commestibili - Foto di Kristina Paukshtite/ Pexels.com
Fiori commestibili – Foto di Kristina Paukshtite/ Pexels.com

La semina di piante da fiore commestibili varia da specie a specie. Ci sono alcuni semi che richiedono molta attenzione rispetto ad altri che invece, vengono seminati più velocemente. La natura fa il suo corso. Per entrambi però ci sono alcune regole fondamentali da seguire.

Per una semina di successo è bene iniziare a rimuovere tutti i detriti che possono ingombrare il terreno come: pietre, rami solidi, erbacce, ecc. Dopo di che il terreno deve essere allentato e livellato, questo a seconda del tipo di giardino che possediamo. Possiamo seminare i semi a spaglio o uno per uno. Una volta completata questa operazione, è necessario coprire i semi per proteggerli ed evitare che vengano danneggiati nella fase di irrigazione. Infine, il terreno deve essere annaffiato ma non con troppa acqua. Questa pratica si può ripetere regolarmente.

Varietà di piante da seminare - Foto di Karolina Grabowska/ Pexels.com
Varietà di piante da seminare – Foto di Karolina Grabowska/ Pexels.com

Quali piante seminare

L’elenco dei fiori commestibili esistenti è davvero lungo. Ovviamente anche se il giardino è grande non può permettersi di ospitarli tutti. Per questo motivo è bene scegliere le varietà preferite da seminare.

Quando si scelgono i semi di fiori commestibili ci sono diversi fattori da tenere in considerazione. La soluzione migliore è senza dubbio quella di scegliere la varietà più facile da coltivare se non si è esperti di giardinaggio. In questo caso non sarà necessario eseguire tecniche sofisticate per ottenere grandi risultati. Tra le varietà più semplici abbiamo il crocus, una varietà che produce zafferano.

Poi ci sono anche alcuni fiori commestibili che hanno un sapore molto forte, altri invece, sono leggeri e deliziosi. Chi non preferisce le spezie non deve piantare nasturzi. I semi di violetta hanno un profumo dolce, li consigliamo.