in

Il Papa contro gli omosessuali? Facciamo chiarezza

Il pontefice avrebbe pronunciato delle frasi fortemente discriminatorie durante un seminario

Chiesa di San Pietro
Chiesa di San Pietro - Luis Núñez

Immaginatevi di trovarvi ad una conferenza tenuta dal massimo esponente del vostro settore di competenza. Devono essersi sentiti così gli aspiranti presbiteri, sacerdoti e vescovi durante un seminario in vaticano presenziato da niente di meno che il Santo Padre in persona. Non tutti loro però si sono sentiti davvero onorati dalla sua presenza, in quanto ciò che è filtrato dai presenti non è certo lusinghiero.

Secondo alcune fonti non ancora ufficializzate, il papa avrebbe pronunciato frasi fortemente discriminatorie e omofobe. Il tutto, va chiarito, non è stato confermato e anzi, si attende una pronta ed inevitabile smentita da parte dell’ufficio stampa. Se quanto riferito ai giornalisti fosse vero, tuttavia, saremmo di fronte a qualcosa di davvero clamoroso.

Le ricostruzioni sono tanto chiare quanto sbalorditive: il vicario di Cristo in persona, nel pieno esercizio dei suoi poteri di guida della Chiesa Cattolica Cristiana, avrebbe suggerito ai suoi proseliti (e magari futuri colleghi) di non eccedere nell’omosessualità, in quanto a suo dire ce n’è già troppa in giro di questi tempi. Non solo, avrebbe dato come indicazione quella di scegliere soprattutto i preti “non gay”, dunque eterosessuali. Dopotutto, le tendenze sessuali dei preti sono sempre state al centro di moltissime discussioni.

Piazza San Pietro a città del vaticano
Piazza San Pietro a città del vaticano – Foto di Kai Pilger/Pexels.com

La cosa è un vero e proprio fulmine a ciel sereno, in quanto durante il suo pontificato, il Papa aveva dapprima cercato di imbastire un approccio più accogliente nei confronti dei cattolici LGBTQ+. Il pontefice aveva affermato “chi sono io per giudicare?” in risposta a una domanda sui preti gay, lasciando uno spiraglio ben aperto per i preti che volevano offrire benedizioni alle coppie dello stesso sesso, una notizia che destò clamore ma che generò grandissima approvazione da parte del pubblico.

Il Corriere della Sera ha precisato che il Papa argentino, che parla italiano sì, ma solo come seconda lingua, forse non si sia reso conto di quanto fosse offensivo il suo linguaggio, aggiungendo che l’affermazione è stata accolta con una risata incredula dai vescovi. Insomma, di sicuro una caduta di stile, in quanto il papa avrebbe utilizzato la parola che inizia con la “F” per descrivere le persone omosessuali.

Purtroppo, non ci è dato sapere cosa è successo esattamente durante quel seminario. Non esiste una trascrizione ufficiale di questi commenti a causa della natura riservata di questa riunione a porte chiuse.

Scritto da Luca Petrone

Sono un giornalista pubblicista dal 2021 ed ho conseguito un MA in Journalism alla Birkbeck University di Londra. I miei interessi sono troppo vasti per essere riassunti in una descrizione, ma ogni cosa che faccio inizia dalla scrittura. Attualmente sono web writer ed ho collaborato con svariati siti e testate online. Il mio profilo LinkedIn.