Home Benessere Integratori

Integratori

L’integrazione nella nostra dieta quotidiana di integratori alimentari di qualità può portare benefici al nostro corpo a vari livelli.

Cosa sono e a cosa servono gli integratori alimentari?

Gli integratori alimentari e nutrizionali sono sostanze che interagiscono con la nostra alimentazione e con la nostra psiche motoria e sensoriale.

Diamo una definizione più dettagliata: gli integratori alimentari non vanno confusi con i farmaci. A volte, soprattutto nelle palestre, si tende ad accostargli l’idea di sostanze dopanti, ma non è così. Essi non sono altro che prodotti alimentari che vanno a collaborare, quindi a fungere da supplemento alla normale dieta alimentare. Pertanto, non sono medicinali, nonostante vengano sottoposti anch’essi, a regolamento: gli integratori alimentari sono definiti dalle Linee Guida Ministeriali come “prodotti alimentari destinati ad integrare la comune dieta e che costituiscono una fonte concentrata di sostanze nutritive, quali le vitamine e i minerali, o di altre sostanze aventi un effetto nutritivo o fisiologico, in particolare, ma non in via esclusiva, aminoacidi, acidi grassi essenziali, fibre ed estratti di origine vegetale, sia monocomposti che pluricomposti, in forme predosate”

Molti saranno quelli in accordo con tale definizione, altri invece sostengono che si tratti di una definizione troppo generale e quasi ingannevole, in quanto tra gli integratori sono presenti anche sostanze che non hanno a che vedere con l’alimentazione, come le sostanze usate molto nel body building, che non migliorano la salute bensì solo le prestazioni sportive (non parliamo di doping, bensì di sostanze da effetti decisamente più blandi).

Ad ogni modo gli integratori sono sicuri, perché come qualsiasi farmaco, anch’essi sono soggetti a sperimentazione e continui controlli che ne assicurano la sicurezza. Il loro utilizzo è consentito dallo Stato.

Cosa contengono gli Integratori Alimentari?

Abbiamo già detto che queste sostanze vanno a essere da supporto al fabbisogno nutritizio giornaliero, per questo motivo gli ingredienti dei vari integratori sono diversi:

  • Vitamine: tra cui la A, B (B1, B2, B6, B12), C, D, E, K
  • Minerali, che collaborano con le vitamine e sono: calcio, iodio, ferro, rame, zinco, magnesio, potassio, cloro e fluoro.
  • Amminoacidi tra cui: leucina, arginina, cisteina. Questi si trovano sotto forma di sale e non in forma pura
  • Acidi grassi: omega 3, omega 6 (in minore frequenza)
  • Probiotici: sostanze che vanno a ripristinare la flora batterica, alterata da stress e da antibiotici.
  • Erbe ed altri estratti: valeriana, ginseng, camomilla, curcuma.

Integratori alimentari naturali

Proprio l’ultimo punto, citava le erbe e altri estratti che ci fanno capire che questi integratori possono avere un’alternativa naturale, magari per chi è più ipocondriaco con i “medicinali”. Ci sono stati per tutti quei momenti in cui il corpo fisicamente non reggeva diverse situazioni: sbalzi di temperatura, stress intenso, carenze nutrizionali, e sicuramente tanti di voi ha preferito affrontare il problema con l’integrazione di sostanze naturali. Quelle che vi nomineremo sono gli integratori naturali più efficaci e sicuri che vi consigliamo:

  • Pappa reale: un ricostituente ideale quando ci si sente spossati e si ha bisogno di avere più energia
  • Spirulina: antiossidante che stimola il sistema immunitario. E’ un ottimo anti-age
  • Aloe vera: ricostituente e rimineralizzante, adatto contro i raffreddori.
  • Olio di lino: un cucchiaino al giorno è fonte di omega-3
  • Polline: ricostituente in caso di convalescenza e affaticamento psico-fisico
  • Germe di grano: contiene vitamine A, B ed E, dagli effetti antiossidanti, sali minerali: calcio, fosforo, magnesio, ferro, manganese, selenio e molibdeno

Integratori alimentari e corretto stile di vita

Per migliorare la propria salute, come ormai risaputo, non esistono pillole magiche. Gli integratori sono qualcosa che – come dice la parola stessa – va ad integrare l’apporto nutrizionale introdotto tramite la dieta. Ma avere un corretto stile di vita, è la prima cosa e, come risaputo, ci fa vivere sicuramente meglio.

Sapete che una persona ha un adeguato stile di vita se:

  • Non fuma
  • Non fa uso di alcolici o droghe/ sostanze illecite
  • Non è in sovrappeso
  • Non ha una vita sedentaria e limitata
  • Segue un’alimentazione varia ed equilibrata.
  • Fa screening di prevenzione per la salute

Effetti collaterali e controindicazioni

Solitamente gli integratori alimentari sono sostanze ad alta tollerabilità, generalmente, gli effetti collaterali sono quasi inesistenti. Tuttavia e, in alcuni casi, è possibile scoprire la presenza di effetti indesiderati. Le diverse conseguenze variano in base al tipo di sostanza assunta, per esempio:

  • Gli ingredienti in esso contenuti;
  • La presenza di eventuali disturbi e malattie preesistenti.
  • La frequenza di assunzione degli integratori alimentari e la quantità di prodotto assunto.

Se gli effetti collaterali sono quelli legati al sovradosaggio, sicuramente saranno presenti controindicazioni da rispettare. La principale controindicazione riguarda la presenza di allergie note alle sostanze attive e/o ad uno o più degli ingredienti del prodotto. Queste sostanze vengono controindicati in gravidanza, soprattutto in allattamento. Un’altra indicazione che frena all’’utilizzo di integratori è la preesistenza di precedenti patologie, come quella cardiovascolare, in tal caso, sia la terapia, sia la malattia in se per se, può intaccare e inibire la funzione degli integratori, che in queste situazioni risultano inutili.

Quando funzionano gli integratori e dove?

Esistono alcuni campi di applicazione in cui gli integratori sono utili a migliorare la nostra vita, come vedremo in questo paragrafo con lo Sport:

E’ il settore dove maggiormente si fa uso di integratori alimentari, spesso confusi col doping o alteranti della prestazione atletica. Migliorare prestazione sportiva o aumentare la massa muscolare sono richiami importanti per gli atleti che si trovano a gareggiare con concorrenti di livello simile. Ma ad oggi sono veramente pochi gli integratori che hanno dimostrato di influenzare la performance atletica. Vitamine e sali minerali potrebbero essere utili, soprattutto a che pratica lo sport agonistico.

  • Creatina: migliora la capacità di recupero e la prestazione ma non la migliora negli sport aerobici tipo corsa
  • Aminoacidi: sono in grado di aumentare la produzione di testosterone, ormone della crescita, insulina, per la crescita e la forza muscolare
  • Cromo: è utilizzato come brucia grassi

Ogni sportivo, in un modo o in un altro fa uso di integratori, purtroppo pero la mancanza di cultura ha fatto si che si commettessero molte volte errori di sottovalutazione delle sostanze in uso. Relativamente è bene ricordarsi che non esiste nessun integratore capace di migliorare significativamente una performance. Spesso l’alterazione di questo è utile per coprire pratiche dopanti: attribuite di merito all’’integratore, errando. L’impiego di integratori è presente anche come rallentatore degli effetti del tempo, si basa semplicemente sulle sostanze ossidanti che combattono i radicali liberi. Un altro settore interessato è la dieta. Il regime alimentare viene toccato dal business degli integratori ai giorni d’oggi. Quest’ultimo compito spetta al medico specializzato, che andra a integrarli realmente a un tipo di dieta adeguato all’’individuo, non all’’integratore.

Il mercato degli integratori

Il mercato degli integratori è cresciuto, negli ultimi anni, in modo sproporzionato tanto da riuscire a comprendere prodotti per diverse esigenze corporee. Quello che a noi interessa, è indirizzarvi al giusto approccio con essi, in modo da non considerarli come sostituti di uno stile di vita più equilibrato.

Solitamente nel mercato si vedono sotto forma di compresse, capsule o bustine. In base alla loro composizione si va migliorare lo stato di salute e a favorire il regolare funzionamento dell’individuo. Si tratta di prodotti liberi di essere venduti e assunti da chiunque, commercializzati sia in farmacie, parafarmacie, in erboristerie, supermercati e altri negozi. Insomma, chiunque ha libero accesso a essi.

Però non è così ovvio precisare, che bisogna avere un occhio di riguardo all’acquisto. Per poter valutare con cognizione di causa un integratore è più appropriato fare affidamento a semplici regole, regole che ci sono utili per non cadere nel tranello delle  solite promesse del mercato alimentare.

  • Ogni sostanza utile per il nostro corpo ha una soglia di assunzione al di sotto della quale sin produce una carenza e al di sopra un surplus, vale a dire un eccesso.

Questa è la regola che fa riferimento agli errori tipici di dosaggio. L’errore che molte persone commettono è quello di sottovalutare l’integratore, dando per scontato che faccia bene.

  • Ogni carenza verificata deve essere corretta prima con l’alimentazione e in seguito con l’integrazione.

Questa regola invece si riferisce al falso bisogno: è sbagliato assumere una sostanza solo perché in quel momento, si crede di avere una carenza, come si fa per esempio con il forte dimagrimento ma anche con una pressione bassa.

  • Ogni eccesso è negativo, perché l’organismo produce un carico di eliminazione o effetti collaterali da assunzione in più.

In questo caso ci riferiamo all’errore di saturazione. L’organismo tende a eliminare le sostanze in più e un esempio è la necessità di bere troppa acqua prima di una prestazione che non è produttivo per il corpo.

 

Nessun Articolo da visualizzare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi