in ,

Maine coon: il carattere di una delle razze più amate!

Non c’è dubbio che il maine coon sia assolutamente una delle razze di gatto più amate. Ma quanto è docile questo felino? Scopriamolo insieme!

Primo piano maine coon
Primo piano maine coon - Pixabay - Pexels.com

Il Maine Coon è un gatto di taglia medio-grande, con i maschi che tendono ad essere più grandi delle femmine. Il suo corpo è lungo e rettangolare, caratterizzato anche da una lunga coda, il che contribuisce a dare l’illusione di una taglia ancora più imponente.

Nonostante la sua mole e la sua storia, il Maine Coon ha un temperamento dolce e gentile. Mostra affetto verso i suoi proprietari e si adatta facilmente a qualsiasi ambiente, a patto che gli venga fornito un po’ di spazio per esercitarsi.

Quando è in movimento, può emettere suoni abbastanza udibili, ma la sua voce dolce e tranquilla assicura che, nonostante l’apparenza da leone, in realtà è un animo mite.

La gestione alimentare del Maine Coon richiede attenzione, poiché questa razza ha la propensione a diventare sovrappeso o a sviluppare una condizione di obesità se non si monitora attentamente la dieta.

È fondamentale garantire al Maine Coon un adeguato esercizio fisico, fornendogli strutture come alberi per gatti e percorsi casalinghi in cui possa correre.

Adora il gioco interattivo e troverà il modo di giocare con ogni membro della famiglia. Tuttavia, data la sua taglia più grande e il peso, potrebbe rovesciare oggetti senza intenzione.

Il pelo del Maine Coon richiede cure giornaliere. Spazzolarlo regolarmente aiuta a prevenire grovigli e, se insegnata fin dalla giovane età, la toelettatura diventa un’attività divertente. Il Maine Coon è considerato la sola razza a pelo lungo originaria degli Stati Uniti. Si pensa che questa razza sia stata introdotta dai marinai che navigavano nella regione del New England. I gatti portati a bordo delle loro navi probabilmente lasciavano la nave, si accoppiavano con i gatti locali e, nel corso del tempo, diedero origine a una razza distintiva.

Maine coon rossiccio assonnato
Maine coon rossiccio assonnato – Alessandro Simonetto – Pexels.com

La carriera espositiva del Maine Coon ebbe inizio a New York nel 1895, quando un esemplare di nome Leo fu premiato come miglior gatto. Leo continuò a vincere mostre feline a Boston fino al 1900, quando fu superato da suo figlio. Successivamente, a causa dell’incrocio con il persiano, il Maine Coon perse popolarità, ma negli ultimi anni ha riconquistato il suo status di gatto d’America.

Il carattere nel dettaglio

Il Maine Coon è la razza di gatto domestico più grande e tra le più antiche del Nord America. Presenta un mantello impermeabile piuttosto lungo e folto, composto da un sottopelo soffice sormontato da un soprabito lucido che richiede poca manutenzione. La lunghezza del pelo varia intorno al corpo, con peli più corti sulla testa, collo e spalle, mentre quelli sulla schiena, i fianchi e la coda sono più lunghi. Le orecchie del Maine Coon hanno una caratteristica pellicciatura, e le zampe presentano ciuffi che si estendono all’indietro, fornendo loro una sorta di funzione di racchette da neve.

Questa razza si presenta in una vasta gamma di colori, tra cui bianco, tartarugato, soriano (con o senza argento) e fumo, tutti con o senza macchie bianche. Gli occhi possono variare dal verde all’oro e al rame, e non è raro trovare occhi blu o di colore diverso nei gatti bianchi di questa razza. A causa di tutte queste variazioni, ogni Maine Coon è unico.

Gatto sdraiato
Gatto sdraiato – Foto di Inge Wallumrød/Pexels.com

I maschi di Maine Coon possono pesare tra i 6 e gli 8 kg, mentre le femmine si aggirano sui 4-6 kg. L’altezza può arrivare a 41 cm, e la lunghezza può raggiungere i 100 cm. La durata della vita media del Maine Coon è di circa 13 anni e oltre. I Maine Coon sono famosi per la loro amichevole, affettuosa e giocosa natura. Non solo sono imponenti in termini di dimensioni, ma anche per la loro personalità eccezionalmente spiccata. Come cani, i Maine Coon amano trascorrere tempo con la loro famiglia e a volte manifestano comportamenti simili a quelli di un cane. Sono obbedienti e rispondono al richiamo. Accolgono con entusiasmo gli ospiti, stupendoli con la loro natura socievole e affabile.

Le patologie che coinvolgono questa specie non sono molte: La cardiomiopatia ipertrofica felina è una malattia ereditaria che presenta sfide nel suo processo di diagnosi, spesso manifestandosi solo con la morte improvvisa come primo sintomo. Questa condizione è caratterizzata dall’ispessimento delle pareti del cuore. Colpisce prevalentemente gatti maschi più anziani, ma può manifestarsi anche in gatti più giovani. In alcuni casi, la malattia potrebbe non risultare fatale e può essere gestita con l’uso di farmaci se viene diagnosticata attraverso un ecocardiogramma.

I segni di questa malattia includono anoressia, letargia, difficoltà respiratorie, tosse, svenimenti e, in alcuni casi, paralisi delle gambe. Tuttavia, è importante notare che alcuni gatti affetti potrebbero non presentare sintomi evidenti. La diagnosi precoce è fondamentale per gestire efficacemente la cardiomiopatia ipertrofica felina.

Scritto da Luca Petrone

Sono un giornalista pubblicista dal 2021 ed ho conseguito un MA in Journalism alla Birkbeck University di Londra. I miei interessi sono troppo vasti per essere riassunti in una descrizione, ma ogni cosa che faccio inizia dalla scrittura. Attualmente sono web writer ed ho collaborato con svariati siti e testate online. Il mio profilo LinkedIn.