Cos’è il girello e perché è importante per il bambino

Tra i vari accessori di prima infanzia, uno dei più importanti è sicuramente il girello, un prodotto che ha la funzione specifica di aiutare il bambino a fare i suoi primi passi nel momento in cui vorrebbero imparare a camminare ma ancora non sono in grado di fare da soli più di un paio di passi.

Il girello permette loro di stare in piedi e muoversi nello spazio che li circonda in assoluta libertà, in questo modo il bambino può fare i suoi primi passi in totale sicurezza avendo a disposizione il giusto sostegno che gli permette di stare in posizione retta senza subire danneggiamenti alla schiena a causa di una postura sbagliata.

Come per tutte le cose, usare il girello ha i suoi pro e i suoi contro, dal punto di vista di un bambino, si tratta di un accessorio molto utile perché può muoversi in libertà e sicurezza, così come per i genitori che non devono aver paura che il piccolo possa cadere e farsi male.

Se si ascolta l’opinione del pediatra, il girello non dovrebbe essere utilizzato perché ostacola lo sviluppo psicomotorio del bambino, perché quest’ultimo non impara a cadere nel modo giusto, così come non riesce a tenere l’equilibrio correttamente, poiché sul girello tende a camminare in punta di piedi.

Comunque, se usato senza eccedere il girello può essere usato, farlo utilizzare al bambino con moderazione è sicuramente il compromesso giusto, anzi, adoperato sporadicamente diventa molto utile.

A quanti mesi usare il girello?

Una domanda molto frequente tra i genitori è quella relativa a quanti mesi il bambino può usare il girello, nel caso in cui abbia uno sviluppo psicomotorio nella norma, il consiglio è di utilizzarlo sporadicamente a parte dai sei mesi di vita, quando il piccolo riesce a stare in piedi in modo autonomo e cerca di muovere i primi passi.

Se si vuole far usare a un bambino un po’ più indietro con lo sviluppo rispetto alla media, l’ideale è usare il girello non prima dei 12 mesi, ricordando che quando inizia a camminare bene autonomamente, bisogna toglierlo.

Quale girello scegliere?

Il settore commerciale prima infanzia presenta sempre numerosi modelli di prodotti, anche nel caso dei girelli per bambini c’è l’imbarazzo della scelta che può sembrare molto difficile trovare quello giusto.

Per acquistare il girello giusto bisogna prendere in considerazione alcune caratteristiche, tra queste ci sono la grandezza e la facilità di chiusura, due aspetti importanti per rendere al bambino un’esperienza ottimale.

Il girello deve essere grande per offrire stabilità ma non deve ingombrare troppo altrimenti il bambino potrebbe avere dei problemi di movimento e non riuscire a muoversi adeguatamente negli spazi circostanti.

Inoltre, deve essere richiudibile in modo da poterlo riporre in spazi comodi quando non viene utilizzato in modo da evitare di ingombrare casa; il blocco delle ruote è importantissimo perché permette di fermare il girello ogni volta che lo si desidera, soprattutto in caso di situazioni di pericolo.

La seduta deve essere comoda ed ergonomica, in modo da donare comfort al piccolo che dovrà stare sempre in una posizione corretta in modo da muoversi col minimo sforzo e non affaticare le gambe.

Inoltre, alcuni girelli hanno degli accessori come i giochi che permettono al bambino di divertirsi e di intrattenere delle attività in grado di aiutarlo a sviluppare tutte le sue abilità creative.

A seconda del modello e della presenza o meno di accessori e giochi, il costo del girello può variare da meno di 100 euro a qualche centinaio di euro, la cosa importante è fare scelte senza mai perdere di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.