Cos’è il cuscino da allattamento e come sceglierlo

Il cuscino da allattamento è un validissimo aiuto per le neomamme durante la fase di nutrimento del neonato, anche se nel nostro paese non è ancora particolarmente diffuso e viene visto come un accessorio secondario, la sua utilità è innegabile e chi lo ha provato ne è rimasto piacevolmente soddisfatto.

Utilissimo in casa e all’aperto, si può trasportare facilmente e si adatta a vari scopi oltre che in fase di allattamento, i materiali adoperati sono solitamente biologici di qualità, realizzato in modo da non provocare nessun tipo di allergia alla mamma e al bambino.

A cosa serve il cuscino da allattamento?

Il cuscino da allattamento è stato ideato per aiutare le mamme a sostenere il bambino mentre gli si da la poppata in modo da evitare posizioni scorrette con conseguenti problemi e disturbi alla schiena.

Sono tanti i brand famosi che producono cuscino allattamento di ottima qualità, con particolare attenzione ai materiali utilizzati, tra questi abbiamo Prenatal, Chicco, Medela e Nuvita, per citarne alcuni dei più importanti.

È fondamentale scegliere dei prodotti buoni e di qualità eccellente, ma quali sono i materiali da preferire per la salute del neonato? Lo vedremo nel paragrafo successivo.

Come detto, il cuscino allattamento serve a rendere più semplice la fase di allattamento, evita posture scorrette della madre e aiuta a sorreggere il bimbo nel miglior modo, che appoggiato alla sua superficie comoda, adattabile e rilassante, imparerà da solo anche a trovare la posizione giusta.

Il cuscino da allattamento è un oggetto versatile, alcuni modelli come quello a serpentone, viene usato anche durante la fase di gravidanza per assumere posizioni comode e dormire meglio, mentre quelli a ciambella possono essere un piccolo e comodo giaciglio per il neonato dopo la poppata.

Quali materiali scegliere per il cuscino da allattamento?

In commercio esistono diversi cuscini da allattamento realizzati con vari materiali utilizzati per l’imbottitura, anche se col passare degli anni si è andati verso una soluzione unica, quella di usare un solo materiale di origine completamente biologica.

Questo non vuol dire che bisogna forzatamente acquistare cuscini da allattamento biologici, che hanno un costo superiore rispetto ad altri modelli, si possono sempre tenere in considerazione i cuscini imbottiti con piume, poliestere e altri materiali artificiali, ma se possibile, cercare di preferire imbottiture in pula di farro o di miglio.

La pula di farro deriva da scarti di lavorazione di coltivazioni biologiche che non hanno impiegato pesticidi e non contiene sostanze nocive che possono danneggiare la salute del bambino, inoltre, grazie alla sua buona densità si adatta facilmente al peso del bambino senza deformarsi troppo.

Bisogna fare attenzione e accertarsi sempre che l’imbottitura deriva da coltivazioni biologiche, inoltre, un altro aspetto positivo di questo tipo di imbottitura e la sua capacità di termoregolazione, assicurando calore durante l’inverno e sensazione di fresco in estate.

La federa è preferibile in materiale come il cotone che può essere lavata facilmente a mano o in lavatrice.

In conclusione, quando si deve acquistare un cuscino da allattamento è importante tenere in considerazione la forma, il materiale e la sua qualità, il consiglio è quello di affidarsi a prodotti venduti da brand conosciuti nel settore.

Evitare di acquistare cuscini a poco prezzo o venduti da negozi che non trattano articoli per mamme e neonati; fare la scelta giusta è fondamentale per la salute della mamma e del bambino, il rischio di ritrovarsi con un cuscino da allattamento che mette in difficoltà entrambi durante la poppata, è molto elevato se non ci si affida a rivenditori autorizzati del settore e a prodotti di qualità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.