Cuscino allattamento: cos’è? Utilizzo e migliore 2020

Redazione
Redazione

Cuscino allattamento, un validissimo aiuto per le neomamme durante la fase di allattamento del neonato. A differenza di ciò che possiamo immaginare, lo sforzo fisico che richiede l’allattamento è parecchio elevato. Si tratta di un momento speciale oltre che molto intimo, d’altra parte contribuisce a creare un legame tra mamma e bambino unico nel suo genere. Importante è tenere a mente che le prime fasi dell’attaccamento del bambino alla sua mamma hanno inizio proprio durante la fase di allattamento. L’attaccamento definisce il legame che si crea tra il bambino e chi si prende cura di lui. I neonati iniziano a dare un senso alla loro vita proprio attraverso le relazioni con il mondo che li circonda. Tutto questo ha inizio durante la fase dell’esperienza di nutrizione, attraverso il contatto con la pelle, il calore, l’odore, il suono della voce.

cuscino allattamento

Questo non deve spaventare le neo mamme ma deve contribuire a chiarire l’importanza di questo momento. Il cuscino allattamento può aiutarci in questa fase così delicata, in cui dobbiamo essere a nostro agio. Anche se nel nostro paese non è ancora particolarmente diffuso e viene visto come un accessorio secondario, la sua utilità è innegabile. Chi ha provato il cuscino allattamento ne è rimasto piacevolmente soddisfatto. Utilissimo in casa e all’aperto, si può trasportare facilmente e si adatta a vari scopi oltre che in fase di allattamento. I materiali usati sono solitamente biologici di qualità, realizzato in modo da non provocare nessun tipo di allergia alla mamma e al bambino. Vediamo ora cos’è, come si usa e come scegliere il modello migliore del 2020.

Vedi anche: Girello bambino, un dispositivo utile dopo i 6 mesi di vita

Cuscino allattamento: cos’è?

Cuscino allattamento, di cosa si tratta? Stiamo parlando di una particolare tipologia di cuscino, che aiuta a sostenere la mamma durante la poppata. Sostenere il peso del neonato, infatti, richiede un grande sforzo per la schiena e per le braccia. Questa fatica potrebbe rendere meno confortevole il momento, che invece deve essere intimo e rassicurante sia per la mamma che per il neonato. L’obiettivo è proprio quello di evitare posture scorrette, riducendo anche il dolore cervicale e i problemi di torcicollo. In generale, i cuscini allattamento sono ideali durante la fase di allattamento per la doppia funzione. Da una parte, sostengono bene il bambino e dall’altra permettono alla mamma di stare in posizione comoda e rilassata.

cuscino allattamento

La forma del cuscino per l’allattamento è tipicamente a mezza ciambella con imbottitura all’interno. In questo modo, costituisce un ottimo appoggio solido per il bambino. Oltre a ridurre la tensione muscolare e la pressione sull’addome della mamma durante l’allattamento del piccolo, garantisce quindi il giusto sostegno al neonato. Un utilizzo corretto del cuscino allattamento permette anche di mantenere la giusta posizione del neonato. Così facendo, aiuta il bambino a rimanere in posizione corretta anche subito dopo mangiato, evitando il rischio di singhiozzi neonati, rigurgiti e agevolando la digestione.

Cuscino allattamento: utilizzo

Ricapitolando, il cuscino allattamento è stato ideato per aiutare le mamme a sostenere il bambino durante la fase di allattamento. Il suo scopo è proprio quello di evitare posizioni scorrette, per mamma e bambino, con conseguenti problemi e disturbi alla schiena. Come già detto, il cuscino allattamento serve a rendere più semplice la fase di allattamento. Evita posture scorrette della madre e aiuta a sorreggere il bimbo nel miglior modo. Il neonato, appoggiato alla sua superficie comoda, adattabile e rilassante, imparerà da solo anche a trovare la posizione giusta.

Il cuscino da allattamento è un oggetto versatile, che può essere usato sia in casa che all’esterno in posizioni differenti. Alcuni modelli come quello a serpentone, viene usato anche durante la fase di gravidanza per assumere posizioni comode e dormire meglio, per alleviare i sintomi gravidanza. D’altra parte, quelli a ciambella, possono essere un piccolo e comodo giaciglio per il neonato dopo la poppata.

cuscino allattamento

A seconda del tipo, possiamo usarlo comodamente in posizioni diverse. Una delle più utilizzate è quella in cui, dopo aver sistemato il cuscino lateralmente e averlo appoggiato sulle gambe, possiamo adagiare il piccolo sulla schiena durante l’allattamento. Una alternativa di utilizzo è quella di posizionare il cuscino allattamento di fronte a noi, sistemando il piccolo disteso e con la testa rivolta verso il seno. Nelle ore notturne, grazie al cuscino, possiamo allattare da distese. Niente traumi da risveglio improvviso, posizioniamo il piccolo lateralmente sul lettone accanto a noi, facendolo aderire al seno. In questo modo, adagiamoci delicatamente sul fianco.

Cuscino allattamento migliore 2020

Quale cuscino allattamento scegliere? Sono tanti i brand famosi che producono cuscino allattamento di ottima qualità, con particolare attenzione ai materiali utilizzati, tra questi abbiamo Prenatal, Chicco, Medela e Nuvita, per citarne solo alcuni dei più importanti.In commercio esistono diversi cuscini da allattamento realizzati con vari materiali usati per l’imbottitura. Con il passare degli anni, si è andati verso una soluzione unica, quella di usare un solo materiale di origine completamente biologica. Questo non vuol dire che bisogna per forza acquistare cuscini da allattamento biologici, che hanno un costo superiore rispetto ad altri modelli. Infatti, si possono sempre tenere in considerazione i cuscini imbottiti con piume, poliestere e altri materiali artificiali, ma se possibile, cercare di preferire imbottiture in pula di farro o di miglio.

Nel 2020, considerando i materiali e le recensioni di chi lo ha utilizzato, il cuscino allattamento migliore sembrerebbe essere un prodotto made in Italy al 100%. Stiamo parlando del cuscino Merrymama, ideale in allattamento. Il prezzo è di 60€, con una imbottitura in pula di farro biologica della varietà triticum dicoccum. Questo prodotto è altamente traspirante, antiacaro, oltre che termoregolatore. La fodera interna ed esterna sono in tela di cotone 100%, sfoderabile con cerniera e lavabile.

Un altro cuscino con un ottimo rapporto qualità-prezzo è il cuscino allattamento di Sei Design. Con un riempimento microgranuli di polistiriolo espanso EPS di alta qualità premium e la fodera in cotone, l’unica pecca è l’imbottitura meno traspirante. Il prezzo è di 29€.

Vedi anche: Colite in gravidanza e toxoplasmosi in gravidanza

cuscino allattamento

Composizione del cuscino

La pula di farro deriva da scarti di lavorazione di coltivazioni biologiche che non hanno impiegato pesticidi e non contiene sostanze nocive che possono danneggiare la salute del bambino. Inoltre, grazie alla sua buona densità, si adatta facilmente al peso del bambino senza deformarsi troppo. Bisogna fare attenzione e accertarsi sempre che l’imbottitura derivi da coltivazioni biologiche. Un altro aspetto positivo di questo tipo di imbottitura e la sua capacità di termoregolazione, assicurando calore durante l’inverno e sensazione di fresco in estate.

La federa è preferibile in materiali come il cotone, che possono essere lavati facilmente a mano o in lavatrice. In conclusione, quando si deve acquistare un cuscino da allattamento, è importante tenere in considerazione la forma, il materiale e la sua qualità. Il consiglio è quello di affidarsi a prodotti venduti da brand conosciuti nel settore.

Evitate di acquistare cuscini a poco prezzo o venduti da negozi che non trattano articoli per mamme e neonati. Fare la scelta giusta è fondamentale per la salute della mamma e del bambino. Il rischio di ritrovarsi con un cuscino da allattamento che mette in difficoltà entrambi durante la poppata è molto elevato se non ci si affida a rivenditori autorizzati del settore e a prodotti di qualità.

Vedi anche: come rassodare il seno in modo naturale

Siti partner

condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su print
Condividi su email