Acido Alfa Lipoico: a cosa serve? Grasso addominale e dimagrimento

Ilenia Zelin
Ilenia Zelin

Acido Alfa Lipoico, di cosa si tratta? Stiamo parlando di una piccola molecola che partecipa a diversi meccanismi antiossidanti sia all’interno che all’esterno della cellula. Di conseguenza, essendo simile a una vitamina, agisce sia su substrati acquosi che lipidici. Questa azione può essere potenziata dall’associazione con diversi complessi vitaminici specie quelli del gruppo B, la vitamina C ed E.

L’acido alfa lipoico, anche chiamato ALA o acido tiottico, fu scoperto e isolato per la prima volta nel 1951 da estratti di fegato dai biochimici americani L.J. Reed e I.C. Gunsalus. Entrambi riuscirono ad ottenerne solo 30 milligrammi partendo da 100 kg di fegato. Ad oggi, questo acido è usato come integratore alimentare e il suo utilizzo è consigliato in numerosi ambiti clinici, pur essendo pochi gli studi che confermano la sua efficacia definitiva. Per esempio, l’acido alfa lipoico è consigliato in casi di traumi cerebrali e di alcune patologie del fegato. Inoltre, la sua assunzione sembrerebbe utile per promuovere l’uso dei carboidrati come fonte di energia, per prevenire danni alle cellule e per migliorare la funzionalità dei neuroni in caso di diabete.

 

acido alfa lipoico

Più in generale, l’azione principale è quella di protezione dai processi ossidativi di natura ambientale, alimentare o causati da malattie come il diabete. In 42 paesi del mondo l’ALA è registrato come farmaco a tutti gli effetti, in Italia invece la registrazione come integratore alimentare è risultata possibile grazie al fatto questa sostanza vitamino-simile è normalmente già presente nel nostro organismo.

Acido Alfa Lipoico: a cosa serve?

Come abbiamo già sottolineato, l’acido alfa lipoico sembrerebbe avere funzioni differenti. L’acido alfa lipoico è solitamente presente nel nostro corpo nei tessuti che sono più ricchi di mitocondri, cioè i tessuti a maggiore attività metabolica. Le principali fonti dell’ALA sono la carne rossa e alcune frattaglie, nello specifico il cuore e il fegato. Ne sono particolarmente ricchi anche verdure come broccoli e spinaci.

acido alfa lipoico

Non stiamo parlando di un costituente essenziale, proprio perché il nostro organismo è in grado di sintetizzarlo ma nel nostro corpo si trova in quantità piuttosto ridotte. Sussistono inoltre problemi di biodisponibilità per l’acido alfa lipoico, contenuto negli alimenti. Questo perchè esso è presente in forma complessata con la lipolisina, più difficile da assorbire rispetto all’ALA non complessato. Possiamo dire che le funzioni sono principalmente tre:

  • azione anti-ossidante, nello specifico contrasta sia la perossidazione dei lipidi delle membrane cellulari e mitocondriali sia l’ossidazione delle proteine e del DNA.
  • azione anti infiammatoria, proprio perchè regola il processo infiammatorio e risulta particolarmente attivo in molte forme tumorali.
  • azione sul metabolismo energetico, perchè aumenta l’efficienza del ciclo di Krebs e partecipa al processo di conversione del glucosio, degli acidi grassi e delle altre fonti energetiche in adenosin trifosfato (ATP).

Acido Alfa Lipoico e Grasso addominale

Secondo alcuni degli studi più recenti, è stato anche messo in evidenza il ruolo dell’acido alfa lipoico nel controllo del glucosio. Nello specifico, per stimolarne l’assorbimento, l’ALA segnala al muscolo una scarsa disponibilità energetica. Proprio grazie a questo meccanismo l’acido lipoico potrebbe, in teoria, migliorare il recupero e la crescita muscolare perché il surplus di glucosio immagazzinato nel muscolo può trasformarsi in glicogeno. Questa reazione metabolica può portare, come conseguenza, all’aumento della sintesi proteica.

L’ALA agisce anche sulle aree cerebrali deputate alla sensazione della fame, riducendo la sensazione di appetito e stimolando allo stesso tempo il consumo energetico. Oltre alla crescita muscolare, potrebbe anche causare la riduzione del grasso addominale e corporeo perché, mantenendo la glicemia a livelli moderati, non si registrano alti picchi di insulina, il principale ormone di deposito e di accumulo delle scorte. Comprendere l’acido alfa lipoico nella dieta è importante anche per perdere peso.

acido alfa lipoico

Acido Alfa Lipoico e dimagrimento

Per quanto riguarda il dimagrimento, abbiamo già detto che l’ALA sembrerebbe poter contribuire alla perdita di peso e al dimagrimento. Nello specifico, possiamo affidarci a una recente meta-analisi che ha preso in analisi ben 728 articoli in letteratura. Questo studio ha dimostrato una significativa riduzione del peso corporeo e del BMI o Indice di Massa Corporea a seguito del trattamento con ALA, indipendentemente dal fatto che il principio attivo fosse utilizzato ai fini del dimagrimento o per altri fini. In sintesi, i risultati ci suggeriscono che l’acido alfa lipoico può essere un efficace rimedio per la perdita di peso negli individui sovrappeso e obesi.

L’ALA, come molti altri antiossidanti, contrasta lo stress ossidativo, responsabile anche dell’aumento di peso. Il termine stress ossidativo o “squilibrio redox” indica l’insieme delle alterazioni biochimiche che si producono nei tessuti, nelle cellule e nelle macromolecole biologiche quando queste sono esposte a un eccesso di agenti ossidanti. Studi epidemiologici, clinici e sperimentali hanno confermato che l’obesità è strettamente correlata ad alterazioni dello stato redox e al conseguente aumento del rischio metabolico. L’acido alfa-lipoico, grazie alle sue proprietà antiossidanti, combatte lo stress ossidativo causato dai radicali liberi proteggendo le cellule, i vasi sanguigni e i nervi da queste sostanze.

Acido Alfa Lipoico integratori

ala integratoriL’acido alfa-Lipoico, conosciuto anche come Acido Tiottico, può essere assunto anche attraverso diverse tipologie di integratori. Come, ad esempio, Tiobec 800, che funziona a rilascio differenziato ed è fortemente consigliato in presenza di carenze alimentari oppure di aumentati fabbisogni. Nello specifico, parliamo di 20 compresse o 10 bustine della Laborest italia, un integratore alimentare a base di Acido alfa-lipoico da assumere durante o dopo le terapie antinfiammatorie.

Per la sua grande tollerabilità può essere utilizzato a qualsiasi età ed ha un ruolo come coadiuvante nelle terapie di: tunnel carpale, paralisi facciale, lombo-sciatalgie, mal di schiena e neuropatie i diverso tipo (diabetiche, alcoliche, ottiche).

Anche Lipoic Acid, del marchio Eurosup, è un integratore alimentare a base di ALA 200 mg, in un flacone da 100 compresse. Assumendo 1 capsula al giorno in un po d’acqua a stomaco pieno, è possibile potenziare il suo effetto benefico, a livello antiossidante, enzimatico e cellulare.

In generale, teniamo a mente che assumere l’Acido-Alfa-Lipoico insieme a farmaci ipoglicemizzanti potrebbe causare un abbassamento improvviso e non desiderato della glicemia, un effetto collaterale presente su tutte le etichette di integratori alimentari a base di questo principio attivo. Inoltre, visto il suo effetto ipoglicemizzante, in caso di presenza di patologia diabetica, è sempre meglio essere seguiti dal proprio medico, poiché potrebbero verificarsi alterazioni del metabolismo glucidico.

Acido lipoico controindicazioni ed effetti collaterali

acido alfa lipoicoCome per tutte le cure farmacologiche o a base di integratore, è importante essere seguiti da un professionista. Tra gli effetti collaterali più comuni sono stati evidenziati casi di emicrania, eruzioni cutanee e crampi muscolari.

L’assunzione deve essere fatta sotto controllo del medico, in quanto ci possono essere interazioni di tipo farmacologico con altri farmaci comunemente usati.

Presentando la capacità di ridurre in modo sensibile i livelli di zucchero presenti nel sangue, potrebbero esserci delle interazioni con gli ipoglicemizzanti. Si tratta di un’interazione importante, data la grande percentuale di persone diabetiche che possono portare ad uno stato di ipoglicemia.

Recenti studi dimostrano che l’acido lipoico può avere anche un ruolo nell’alterazione dei livelli di ormoni tiroidei per cui anche un paziente in terapia con farmaci per la tiroide va tenuto sotto controllo.

In commercio gli integratori come Tiobec sono disponibili a diversi dosaggi pertanto è importante consultare il medico, che saprà indicarvi la dose giusta per le vostre esigenze.

Siti partner

condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su print
Condividi su email