Cannabis legale, medica, terapeutica – cosa c’è da sapere

Quando si parla di cannabis legale e terapeutica le informazioni a riguardo non sono mai molto chiare così in questo articolo cercheremo di rispondere domande come:

  • dove e come si può comprare
  • come ottenere la prescrizione
  • le differenze tra la cannabis terapeutica
  • l’Easy Joint e la marijuana illegale
  • se si può guidare facendone uso
  • come si può ottenere cannabis mutuabile
  • per quali patologie può essere prescritta

Dove posso comprare la cannabis legale ad uso terapeutico?

è possibile acquistare la cannabis legale (o medica) in Ospedale/Ausl o presso Farmacie galeniche che l’hanno a disposizione. Infatti non tutte le farmacie che preparano farmaci galenici ne hanno la disponibilità immediata e ciò spesso comporta i pazienti ad dover interrompere la terapia.

Per sapere presso quali farmacie puoi acquistarla con la sicurezza di riceverla velocemente, clicca qui

E l’Easy Joint? Che differenza c’è tra Easy Joint, mariujana illegale e cannabis terapeutica?

L’Easy Joint è un tipo di marijuana/cannabis non terapeutica. Il contenuto di CBD nell’Easy Joint è pari al 4%, non ha alcun tipo di effetto ludico o terapeutico né può essere venduto come tale.

La cannabis terapeutica ha un contenuto di CBD e THC variabile in base alla tipologia di marijuana prescritta. Le farmacie galeniche possono, inoltre, preparare oli da assumere in gocce e contenenti le quantità di THC e CBD specificate nella ricetta medica.

Infatti tra le differenze della cannabis legale ad uso medico e la marijuana illegale vi sono: i controlli sulla provenienza e sulle quantità dei principi attivi presenti e il fatto che la cannabis terapeutica in Italia venga venduta solo su prescrizione medica. Inoltre la marijuana terapeutica è prodotta in coltivazioni naturali in serre chiuse – indoor – senza uso di pesticidi o farmaci e per il controllo degli infestanti vengono usati insetti predatori. La cannabis venduta in Italia non è OGM.

Da dove proviene la marijuana terapeutica? Può essere cannabis italiana, cannabis olandese o canadese

Come posso farmi prescrivere la cannabis terapeutica in Italia?

Qualunque medico iscritto all’Ordine dei Medici Italiani può prescrivere la cannabis terapeutica: di base, specialista, non specialista, pediatra, eccetera.

E’ importante ricordare che la cannabis terapeutica può essere venduta solo con prescrizione medica (quella su ricetta “bianca”). La prescrizione deve essere redatta secondo le modalità sancite dalla Legge Di Bella (Legge 94/98).

Se il vostro medico non è a conoscenza di tali informazioni, potrete facilmente ottenerle contattando le Farmacie Galeniche che vendono la cannabis terapeutica, le quali vi forniranno le istruzioni per il Medico e facsimile di ricette precompilate.

Purtroppo alcuni medici sono ancora restii all’utilizzo di farmaci cannabinoidi nonostante vi sia una svariata letteratura scientifica a riguardo.

Se state cercando medici che possano prescrivervi cannabis terapeutica potete rivolgervi al portale del progetto Medicomm tramite il sito omonimo.

In Emilia Romagna la ricetta può essere anche redatta secondo il sistema SOLE, ovvero resa in forma digitale.

Come viene venduta e preparata la cannabis?

In base al tipo di assunzione la cannabis viene venduta nelle seguenti modalità:

  • cartine per la vaporizzazione o la preparazione di tisane;
  • capsule apribili per tisane in cui la cannabis viene micronizzata (ridotta in polvere sottilissima per aumentarne l’assimilazione);
  • capsule ingeribili già pronte;
  • tinture alcoliche;
  • colliri;
  • resine;
  • supposte;
  • estratti oleosi;
  • crema o gel transdermico
  • liquido per sigarette elettroniche (quest’ultimo è ancora sperimentale).

L’acquisto di cannabis olandese in flaconcini (con tappo giallo) da 5 grammi è illegale sia presso farmacie che presso centri ospedalieri o Ausl.

Quale è il metodo di assunzione migliore e quale cannabis terapeutica mi verrà prescritta?

Ogni paziente ha le sue esigenze e le sue preferenze. Sarà il medico a consigliarvi e prescrivervi la giusta dose di cannabis terapeutica e la modalità di assunzione migliore secondo il vostro caso clinico.

Quali dispositivi MEDICI posso usare per vaporizzare la cannabis terapeutica?

Esistono in commercio moltissimi vaporizzatori e i prezzi vanno da poche decine a centinaia di euro. Il rischio con vaporizzatori non certificati per uso medico è che non rilascino la quantità di principi attivi garantiti dalla dose prescritta. I dispositivi medici certificati e consigliati dal Ministero Olandese sono quelli della ditta Volcano sia in versione portatile Volcano Mighty che in versione Digital Medic.

Quali tipi di cannabis/mariujana terapeutica sono venduti in Italia?

La cannabis legale in Italia può essere Sativa, Indica o Ibrida.

Sono vendute le seguenti tipologie di cannabis:

THCCBDVarietà
Bedrocan22%< 1%SATIVA
Bediol6%8%SATIVA
Bedica14%< 1%INDICA
Bedrobinol12%< 1%SATIVA
Bedrolite< 0,4%9%SATIVA
FM25-8%7,5-12%SATIVA
Pedanios 22/122%< 1%SATIVA
Pedanios 8/8>8%8%INDICA
Pedanios 1/9< 1%9%SATIVA

Per quali patologie può essere prescritta?

Per qualunque patologia esistano un minimo di studi scientifici e può essere prescritta e comprata in tutte le regioni d’Italia. Diversa è la questione per ottenere la cannabis/mariujana terapeutica gratuita.

Come posso ottenere cannabis terapeutica gratuita/ mutuabile?

La cannabis terapeutica a carico del SSR (Sistema Sanitario Regionale) è prevista per le seguenti patologie:

sclerosi multipla, cachessia (causata da anoressia HIV e chemioterapia), dolore oncologico, dolore cronico, glaucoma,  vomito e inappetenza da chemioterapici, sindrome di Tourette.

Si ricorda che ogni Regione è autonoma nel decidere se e per quali patologie erogare gratuitamente la cannabis/marijuana terapeutica.

Attualmente le regioni che forniscono gratuitamente cannabis terapeutica sono Lazio, Piemonte, Toscana, Emilia Romagna, Puglia, Liguria, Campania e Veneto.

Altre Regioni permettono un rimborso parziale, ma la situazione è molto variabile anche a livello delle singole AUSL in una stessa Regione. Alcune di queste prevedono il pagamento delle spese burocratiche per la gestione della richiesta e l’importazione della cannabis direttamente dall’Olanda. Per sapere con certezza se è possibile ottenere il rimborso bisogna contattare direttamente la propria Ausl di appartenenza.

Posso guidare se faccio uso di cannabis terapeutica?

Secondo il DM 9/11/2015

I soggetti in terapia [dei cannabinoidi, ndr.], inoltre, dovrebbero essere esentati dalla guida di veicoli o dallo svolgimento di lavori che richiedono allerta mentale e coordinazione fisica per almeno 24 ore dopo l’ultima somministrazione con cannabis per uso medico.”

L’uso della parola “dovrebbero” impedisce di affermare che sia obbligatorio non guidare. Dunque indica una raccomandazione e ad oggi non vi è una legge precisa sui pazienti che assumono cannabis terapeutica.

Nel caso si verificasse un incidente automobilistico potrebbe aprirsi un contenzioso in cui bisogna tenere presente che sarà necessario dimostrare l’effettiva assunzione per uso terapeutico con la copia della ricetta e l’etichetta del farmaco.

Ricordiamo che tramite analisi è possibile scoprire se si è fatto uso di cannabis terapeutica (o marijuana) anche sono passate alcune settimane dall’ultima assunzione.

Posso portarla in giro ed usarla senza avere problemi?

Secondo il DM 9/11/2015 nel momento in cui viene acquistata, il Farmacista è obbligato a fornire una copia della ricetta timbrata, prezzata, datata e firmata indipendentemente che venga chiesta o meno dal paziente.

Con questa si può dimostrare che si sta utilizzando cannabis legale a scopo medicale.

 

Rodissea

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.