MCHC: significato basso e alto con cause e cosa mangiare

Cosa significa la sigla MCHC? E che valore indica nelle analisi del sangue? Basso, alto, le cause di abbassamento e innalzamento del valore: MCHC basso in gravidanza, cosa mangiare, sintomi e problematiche causate dall’MCHC alto o basso.

Quando si procede con delle analisi del sangue, spesso ci troviamo di fronte a parametri o valori di cui, la maggior parte delle volte, non ne conosciamo il significato. Onde evitare preoccupazioni, talvolta anche superflue, noi raccomandiamo sempre di portare i risultati delle analisi al vostro medico di fiducia. Negli articoli precedenti abbiamo approfondito anche altri parametri, come l’MPV (il volume piastrinico medio)e il PDW: oggi andremo ad analizzare il significato dell’MCHC (Mean Corpuscolar Hemoglobin Concentration).

MCHC: cos’è?

Con la sigla MCHC si indica la dicitura “Mean Corpuscular Hemoglobin Concentration”; ovvero la concentrazione emoglobinica corpuscolare media. Detto più semplicemente, questo determina essenzialmente il calcolo della concentrazione di emoglobina nelle cellule del sangue; ovvero nei globuli rossi. Ciò significa, dunque, che questo valore è strettamente collegato alla salute dei globuli rossi e di essenziale importanza per comprendere la percentuale di emoglobina contenuta negli stessi, non facendo particolare riferimento alla loro grandezza. Difatti, la grandezza del globulo rosso non è associata per forza a una percentuale maggiore di emoglobina: questa, difatti, prescinde la dimensione dei globuli rossi. Inoltre, l’MCHC va considerato in relazione ad altri parametri chiamati indici corpuscolari: stiamo parlando del MCV (Volume corpuscolare medio) e l’MCH (contenuto emoglobinico corpuscolare medio).

Questo valore è di estrema importanza per prevenire o diagnosticare patologie come:

  • Anemie
  • Ipocromie
  • Carenze di ferro pericolose e che possono sfociare in malattie più gravi
  • Malattie del fegato ecc.

I valori normali di MCHC vanno dai 31/32 g/dl ai 36/37 g/dl.

MCHC basso

Quando il suo valore nel sangue è inferiore ai 31 g/dl, si parla di MCHC basso. Ciò significa che la percentuale di emoglobina nei globuli rossi è scarsa ma, spesso, è un valore che potrebbe indicare anche una produzione di emoglobina nella norma contenuta, però, in globuli rossi troppo grandi. In caso di MCHC basso, possono essere in corso patologie talvolta anche rischiose, come:

  • Anemia sideropenica, ovvero l’anemia dovuta a carenza di ferro.
  • Sindrome talassemica
  • Anemia ipocromica
  • Iperidratazione
  • Emorragie in corso dovute, ad esempio, a traumi o ulcere
  • Anemia macrocitica

MCHC basso in gravidanza

Nel caso in cui questo valore sia basso in donne in gravidanza, è necessario in ogni caso rivolgersi al medico di fiducia. Questo perché nelle donne in stato interessante, una carenza di ferro può risultare altamente pericolosa e, talvolta, denotante di fattori di rischio. C’è da specificare, infatti, che questo valore basso in gravidanza può essere dovuto anche a:

  • Infezioni
  • Emorragie
  • Carenze di vitamine, soprattutto Vitamina C, Vitamina B12 e folati (nella maggior parte dei casi)
  • Tumori al seno
  • Tumori ai polmoni

In questi casi è essenziale far riferimento a sintomi quali: mal di testa cronici, spossatezza e stanchezza, difficoltà di concentrazione ecc. E’ importante, però, non farsi prendere dal panico: chiedere consiglio al proprio medico di fiducia è il primo passo per intraprendere subito un trattamento perfezionato a seconda dei casi che, nella maggior parte delle volte, è assimilabile a un regime alimentare corretto.

MCHC basso: ferritina e carenza di ferro

Una delle cause dell’abbassamento della percentuale di emoglobina nei globuli rossi può essere imputata alla ferritina (la proteina il cui ruolo principale è proprio il deposito di ferro nelle cellule) e, dunque, alla carenza di ferro. Quando il corpo non assimila la giusta quantità di ferro per diversi motivi, si potrebbero accusare diversi sintomi, come:

  • Mal di testa
  • Stanchezza e spossatezza croniche
  • Fatica
  • Pelle e unghie pallide
  • Glossite
  • Vertigini ecc.

In caso di carenza di ferro e di malfunzionamento della ferritina, è importante rivolgersi sì a un medico ma anche riguardare il proprio regime alimentare. Uno dei metodi più veloci per aiutare l’organismo ad assimilare più ferro è proprio attraverso una dieta focalizzata su alimenti specifici. Vediamo cosa mangiare in questo senso.

MCHC basso per carenza di ferro: cosa mangiare?

Un valore basso può essere dovuto anche ad una carenza di ferro o di vitamina C. In questi casi è importante seguire un regime alimentare corretto. Difatti, nel caso in cui sia dovuto a carenza di ferro, è necessario innanzitutto fare scorta di Vitamina C, Vitamina B12 e folati che tendono a facilitarne l’assorbimento. Cosa mangiare per contrastare la carenza di ferro?

  • Uova, in particolare il tuorlo
  • Arachidi e frutta secca a guscio: anacardi, mandorle, pistacchi, pinoli ecc.
  • Carni bianche, ma anche e soprattutto carne di cavallo
  • Tonno fresco, fonte di Sali minerali, ferro e fosforo
  • Germe di grano, fonte di proteine vegetali, carboidrati e vitamina del gruppo B
  • Legumi
  • Erbe aromatiche essiccate, principalmente il timo

MCHC alto

L’MCHC alto indica, differentemente, una produzione elevata di emoglobina o una percentuale alta rispetto ai valori normali. Spesso, però, potrebbe stare ad indicare anche una percentuale di emoglobina normale all’interno di globuli rossi troppo piccoli. L’MCHC alto potrebbe essere associato a:

  • Sferocitosi, una malattia rara che causa un’alta degradazione delle cellule del sangue
  • Carenza di Acido Folico (vitamina B9), le cosiddette vitamine del Gruppo B
  • Carenza di Vitamina B12
  • Ustioni gravi che possono danneggiare i globuli rossi
  • Anemie derivate da problemi di digestione
  • Malattie al fegato e anemie aplastiche

MCHC sintomi e cure

Le alterazioni di questo valore, in generale, alte o basse che siano, spesso non sono individuabili in sintomi ben specifici o evidenti. Difatti, se si parla di MCHC basso in relazione a carenza di ferro, i sintomi possono essere, come abbiamo visto: spossatezza, difficoltà di concentrazione, fiato corto, ingrossamento della milza, sonnolenza, svenimento, lingua ulcerata, irregolarità del battito cardiaco ecc. In questi casi per aumentare l’assorbimento di ferro bisogna seguire un regime alimentare corretto, in relazione anche all’assunzione di Vitamina C, Betacarotene o spesso integratori appositi. Difatti, i sintomi di MCHC basso o alto possono cambiare a seconda delle patologie o delle problematiche relative all’alterazione dei livelli di emoglobina. È sempre raccomandabile, infatti, non sottovalutare la questione e rivolgersi subito ad un medico specializzato che possa consigliarci e definire la nostra condizione, valutando il nostro stato di salute e indicandoci la soluzione più adatta alle nostre necessità.

Analisi del Sangue: gli altri valori da tenere sotto controllo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.