Pagamento pos, in arrivo il rimborso sulle commissioni?

Queste parti non lo faranno gratuitamente, quindi è qui che entra in gioco la commissione di rimborso della carta di credito. Gli storni di addebito si verificano quando un titolare di carta chiede alla propria banca di annullare una transazione. Questi sono noti anche come controversie sui pagamenti. Forniscono protezione dei consumatori e rimborsi da transazioni fraudolente.

Uno dei provvedimenti più controversi di questo governo meloni è stato quello sul pos e sul contante. La linea del governo è quella di aumentare i pagamenti con contante, mentre l’Europa e il mondo si muovono verso i pagamenti digitali. Questa misura ha però fatto felici molti piccoli esercenti: le commissioni bancarie sui pagamenti con carta vengono giudicate ancora troppo salate. Che sia arrivato il momento di attivare un rimborso su queste? Il governo ci starebbe pensando in queste ore.

Il costo associato ai rimborsi con carta di credito ricade sempre sul commerciante. A meno che tu non sia una delle poche aziende là fuori con una politica “nessun reso, nessuna eccezione” (non lo consigliamo), allora hai già pagato le spese di rimborso della carta di credito, che tu te ne renda conto o meno. La cosa complicata delle commissioni di rimborso della carta di credito è che non si presentano allo stesso modo delle altre voci dell’estratto conto. A seconda del processore e della struttura del contratto, la commissione non verrà chiaramente visualizzata su ogni estratto conto, ma è presente.

Quando un cliente paga utilizzando una carta di credito, l’elaboratore del commerciante deve verificare la transazione con la banca emittente (la banca del cliente). A volte, la rete della carta e la banca emittente coincidono (American Express e Discover). Lo fanno per assicurarsi che la carta sia valida, controllare se il cliente ha credito sufficiente e altro ancora. Una volta che la banca emittente dà il via libera, la transazione può essere elaborata. Quindi il commerciante deve regolare la transazione con il proprio elaboratore e il denaro si sposta tra la banca emittente e la banca acquirente (facilitato dall’elaboratore).

Pagamento tramite carta visa
Pagamento tramite carta visa – Foto di energepic.com/Pexels.com

Ogni entità coinvolta nella transazione ottiene una parte per i propri problemi. Ora, cosa succede quando si verifica un rimborso? L’intero processo viene invertito. Ora l’elaboratore deve trasferire il denaro dalla banca acquirente alla banca emittente, in modo che il cliente possa essere accreditato. Queste parti non lo faranno gratuitamente, quindi è qui che entra in gioco la commissione di rimborso della carta di credito. Gli storni di addebito si verificano quando un titolare di carta chiede alla propria banca di annullare una transazione. Questi sono noti anche come controversie sui pagamenti. Forniscono protezione dei consumatori e rimborsi da transazioni fraudolente.

Quando i titolari di carta sospettano che la loro carta sia stata utilizzata in modo fraudolento, possono richiedere uno storno di addebito alla banca emittente. Dopo che la banca emittente ha indagato sul reclamo, rimborserà il titolare della carta se viene scoperta una frode con carta di debito o di credito. Se si verifica un problema, i fondi vengono trattenuti fino a quando la banca non risolve il problema. C’è un breve limite di tempo entro il quale puoi contestare il chargeback e dimostrare che la transazione era legittima. Generalmente è compreso tra 60 e 90 giorni, ma varia a seconda del processore di pagamento.

Leggi anche