Qual è il vino più adatto per sfumare mentre si cucina?

Il vino viene utilizzato principalmente in cucina per la sua acidità, che non solo aiuta ad abbattere i tagli di carne attraverso metodi lenti e lenti come la brasatura, ma mantiene anche l’umidità e la consistenza più fine nelle proteine ​​più leggere come il pesce.

Pensiamo che ormai tutti dovrebbero sapere che il rosso va con la carne rossa e il bianco con la carne bianca. Sebbene questa regola non sia affatto scolpita nella pietra, è un’ottima linea guida da seguire quando si cerca di abbinare il vino al cibo. L’uso del vino nel cibo è diventato sempre più popolare, anche se questa non è una nuova tendenza. Il vino è stato utilizzato per creare piatti belli e sostanziosi per migliaia di anni. Purtroppo, o meglio, per fortuna, oggi ci sono migliaia di vini tra cui scegliere. Quali sono i migliori vini da cucina per la carne di manzo? I vini rossi pesanti e secchi come il Merlot e il Pinot nero funzionano meglio con qualsiasi stufato di manzo, casseruole o arrosti. I migliori vini per manzo hanno tannini moderati e sono solo leggermente invecchiati per mantenere i loro sapori fruttati.

Il vino viene utilizzato principalmente in cucina per la sua acidità, che non solo aiuta ad abbattere i tagli di carne attraverso metodi lenti e lenti come la brasatura, ma mantiene anche l’umidità e la consistenza più fine nelle proteine ​​più leggere come il pesce. Quando si cuoce sfumando, l’alcool evapora lasciando sfumature dei suoi composti aromatici e saporiti nel piatto finale. In alcune applicazioni di dessert, come una torta Tatin di mele in camicia al vino rosso, il frutto adotta la brillante macchia viola del vino e conferisce alla dolcezza del piatto una nota alta sottile e piccante, un foglio molto migliore per il cucchiaio di gelato alla vaniglia. potresti servire al suo fianco.

Scegli il vino che ti piace. Se non vuoi berlo da solo, non sprecarlo durante la cottura. Scegli sempre vini che ti piacciono in qualsiasi forma. Scegli un vino di buona qualità. Nessuna quantità di cottura migliorerà i cattivi sapori, anzi, li concentrerà e li esalterà! Scegli tipi di vini con tannini moderati. Questi includono varietà come Merlot, Pinot Nero, Cabernet e Sangiovese. I vini giovani (vini che non sono invecchiati a lungo) avranno i migliori sapori fruttati che completeranno notevolmente la carne di manzo.

Vino e frutta - Foto di Rachel Claire/ Pexels.com
Vino e frutta – Foto di Rachel Claire/ Pexels.com

Chiamare qualcosa “vino da cucina” spesso si riferisce solo a un normale vino da tavola adatto sia per bere che per cucinare. Tuttavia, potresti anche vedere bottiglie con lo stesso nome, spesso accantonate tra l’aceto e i condimenti in alcuni negozi di alimentari. Pensa a questo come cucinare “vino”: contiene alcol, ma questi vini contengono anche sale, e talvolta zucchero e altre spezie, per renderli sia stabili che più saporiti. (Il vino Shaoxing, o vino da cucina cinese, è un vino di riso stagionato comunemente usato in molti piatti cinesi.) Non bere “vino” da cucina.

Scegliere vini con cui cucinare è meno complicato di quanto sembri. In generale, dovresti cucinare con un vino che berresti tu stesso. Puoi cucinare con una bottiglia aperta per qualche giorno, o anche una bottiglia generica del negozio all’angolo. Se hai intenzione di bere lo stesso vino durante il pasto, dedica un po’ più di tempo a trovare qualcosa che ti piacerebbe da solo. Raramente usi più di una buona spruzzata di vino in cucina, ma forse salva quell’annata di prima qualità a rilascio limitato per un’altra notte. La maggior parte di ciò che rende grande quel vino di fantasia (gli aromi complessi, la maturità) andrà comunque perso durante il processo di cottura.

Se ne hai la possibilità, prova ad acquistare un vino secco piuttosto che uno dolce, poiché gli zuccheri residui nel vino dolce conferiranno al piatto una dolcezza indesiderata. In secondo luogo, la varietà di vino che acquisti conta di più.

Leggi anche