Quante volte si può riutilizzare l’olio di frittura?

Con cibi impanati e malconci, riutilizzare l’olio tre o quattro volte. Con articoli più puliti come le patatine, va bene riutilizzare l’olio almeno otto volte.

Non devi buttare via l’olio usato. Spesso puoi riutilizzarlo molte, molte volte! Non esiste una regola rigida per quante volte puoi riutilizzare quell’olio. Diffidate di qualsiasi fonte che dia una risposta definitiva sul numero di volte in cui è possibile riutilizzare l’olio.  È facile dire quando dovrai sostituire il tuo olio e, cosa più importante, ci sono alcuni grandi passi che puoi fare per aumentare la durata utile del tuo olio!

Con cibi impanati e malconci, riutilizzare l’olio tre o quattro volte. Con articoli più puliti come le patatine, va bene riutilizzare l’olio anche otto volte, e probabilmente molto più a lungo, soprattutto se lo stai reintegrando con un po’ di olio fresco.  Tuttavia, un eccessivo riutilizzo rende l’olio più cancerogeno. Tutto ciò che è cancerogeno ha la possibilità di causare il cancro.

Cucinare il cibo riutilizzando l’olio da cucina può anche aumentare i radicali liberi nel corpo, che possono causare infiammazione, la causa principale della maggior parte delle malattie tra cui obesità, malattie cardiache e diabete. Non esiste una regola ufficiale su quante volte è possibile riutilizzare l’olio; Tuttavia, si romperà più lo usi, il che significa che il tuo pollo fritto potrebbe finire in un pasticcio fradicio. Se è torbido, ha un odore strano o ha sviluppato uno strato di pellicola in cima, è il momento di sostituirlo con un nuovo lotto.

Patatine fritte in una ciotola
Patatine fritte in una ciotola – Foto di Dzenina Lukac/Pexels.com

La frittura profonda raggiunge due obiettivi. Innanzitutto, disidrata gli alimenti. Non appena il cibo colpisce l’olio caldo, inizia a bollire. Queste bolle sono sacche d’acqua che improvvisamente vaporizzano e saltano fuori dal cibo, salendo attraverso l’olio e sfuggendo nell’atmosfera. Più caldo friggi, più vigorosamente queste bolle saltano fuori e più velocemente il tuo cibo diventa croccante. Allo stesso tempo, si sta verificando la reazione di Maillard: proteine e carboidrati si stanno scomponendo e ricombinando per produrre i colori e i sapori rosolati che associamo ai cibi ben fritti.