Starbucks apre il suo primo punto vendita a Firenze!

La più grande idea di Schultz per il futuro di Starbucks arrivò durante la primavera del 1983, quando l’azienda lo mandò a Milano per partecipare a una fiera internazionale di articoli per la casa. Mentre era in Italia, rimase colpito dai caffè del paese e scoprì che solo Milano vantava 1.500 caffè.

Il colosso del caffè americano sta provando pian pianino a conquistare anche la nostra penisola, ultimo bastione a difesa del caffè al bar. Le aperture di Milano e in altri grandi città hanno spianato la strada, adesso ci sarà anche il primo store fiorentino. Starbucks è stata fondata da Jerry Baldwin, Gordon Bowker e Zev Siegl, aprendo il suo primo negozio nel 1971 vicino allo storico Pike Place Market di Seattle. I tre fondatori di Starbucks avevano due cose in comune: provenivano tutti dal mondo accademico e tutti amavano il caffè e il tè. Hanno investito e preso in prestito dei soldi per aprire il primo negozio a Seattle e lo hanno chiamato “Starbucks” dopo il primo ufficiale, Starbuck, nel romanzo classico di Herman Melville Moby Dick.

Alfred Peet, un imprenditore della torrefazione del caffè, è stato una grande ispirazione per i fondatori di Starbucks. Peet era un immigrato olandese che aveva iniziato a importare pregiati caffè arabica negli Stati Uniti negli anni ’50. Nel 1966 aprì un piccolo negozio, Peet’s Coffee and Tea, a Berkeley, in California, specializzato nell’importazione di caffè e tè di prima qualità. Il successo di Peet ha incoraggiato i fondatori di Starbucks a basare il proprio modello di business sulla vendita di chicchi di caffè e attrezzature di alta qualità, e Peet’s è diventato il fornitore iniziale di chicchi di caffè verde per Starbucks. I soci hanno quindi acquistato una tostatrice usata dall’Olanda e Baldwin e Bowker hanno sperimentato le tecniche di tostatura di Alfred Peet per creare le proprie miscele e aromi.

Chicchi dalla tazza di caffè
Chicchi dalla tazza di caffè – Foto di Jessica Lewis Creative/Pexels.com

All’inizio degli anni ’80 Starbucks aveva aperto quattro negozi a Seattle che si distinguevano dalla concorrenza per i loro caffè appena tostati di alta qualità. Nel 1980 Siegl decise di perseguire altri interessi e lasciò i due restanti soci, con Baldwin che assunse il ruolo di presidente dell’azienda. La più grande idea di Schultz per il futuro di Starbucks arrivò durante la primavera del 1983, quando l’azienda lo mandò a Milano per partecipare a una fiera internazionale di articoli per la casa. Mentre era in Italia, rimase colpito dai caffè del paese e scoprì che solo Milano vantava 1.500 caffè. Ispirato, ha pensato di fare qualcosa di simile in Starbucks e ha immaginato di trasformare una piccola operazione regionale in una catena di caffetterie nazionale attraverso una rapida espansione dei negozi. Tuttavia, Baldwin e Bowker non erano entusiasti dell’idea di Schultz, poiché non volevano che Starbucks si discostasse molto dal suo modello di business tradizionale. Volevano che Starbucks rimanesse rigorosamente un venditore di caffè e attrezzature e non si trasformasse in un bar che serviva caffè espresso e cappuccino.

Leggi anche