Svolta scientifica importantissima nella lotta all’Alzheimer!

Sebbene questi risultati siano una pista promettente, è ancora presto e i ricercatori hanno già identificato studi che suggeriscono alcuni risultati contrastanti su come funzionano i cambiamenti del lisosoma PLD3 nei topi e nelle cellule HeLa umane. Come abbiamo visto prima con l’Alzheimer, le cose potrebbero rivelarsi ancora più complicate, ancora una volta.

Nonostante decenni di tempo e miliardi di dollari investiti nello studio del morbo di Alzheimer, gli aspetti del suo sviluppo rimangono ostinatamente misteriosi. I ricercatori hanno inseguito molte piste, dalle malattie gengivali alle malattie autoimmuni. L’ipotesi originale (e ora controversa) che le placche amiloidi giocassero un ruolo centrale nell’insorgenza della condizione sembrava una strada promettente da seguire, ma i farmaci che hanno preso di mira queste placche hanno fornito risultati poco chiari negli studi clinici.

I ricercatori hanno scoperto che il gonfiore è formato da un accumulo di lisosomi, piccoli scomparti simili a sacchi della spazzatura creati dalle cellule per abbattere i rifiuti e contenerli fino a quando non possono essere rimossi. Questi lisosomi si raggruppano in strutture sferoidali lungo gli assoni delle cellule cerebrali, il lungo “cavo di trasmissione” che si estende dal corpo della cellula e termina in rami di estensioni che inviano segnali. Si pensa che questi rigonfiamenti interrompano le capacità delle cellule cerebrali di condurre i segnali elettrici che sono vitali per la formazione e il consolidamento dei ricordi.

Stress e malattie - Foto di Kat Smith/ Pexels.com
Stress e malattie – Foto di Kat Smith/ Pexels.com

Utilizzando l’imaging del calcio e del voltaggio delle singole cellule, il team è stato in grado di mostrare che la quantità di interruzione del segnale era collegata alle dimensioni dello sferoide. I rigonfiamenti sferoidi rimangono stabili per lunghi periodi di tempo, quindi è probabile che continuino a interrompere la connettività dei neuroni. Le dimensioni e il numero degli sferoidi osservati in un piccolo numero di campioni di cervello umano post mortem che gli scienziati sono stati in grado di analizzare erano anche correlati ai livelli di declino cognitivo. In altre parole, quelli con malattia di Alzheimer più grave avevano sferoidi più gonfi.

Sebbene questi risultati siano una pista promettente, è ancora presto e i ricercatori hanno già identificato studi che suggeriscono alcuni risultati contrastanti su come funzionano i cambiamenti del lisosoma PLD3 nei topi e nelle cellule HeLa umane. Come abbiamo visto prima con l’Alzheimer, le cose potrebbero rivelarsi ancora più complicate, ancora una volta.

Leggi anche