Tatuaggio croce: significato cristiano, celtico e dove farlo

Marianna Somma
Marianna Somma

Tra le richieste più frequenti fatte ai tatuatori c’è il tatuaggio della croce. Si tratta di uno dei simboli più controversi e gettonati per esprimere il profondo legame che si ha con la propria spiritualità e il proprio credo. Contrariamente a quanto solitamente si pensa, la croce non è un simbolo cristiano, ma è presente già secoli prima della nascita di Cristo. Non a caso essa compare in diverse culture, assumendo così significati diversi a seconda del credo. In linea generale chi decide di tatuarsi una croce ha un forte legame con il divino e con la spiritualità, indipendentemente dal credo professato.

Non si tratta quindi di un semplice abbellimento del proprio corpo e un accessorio stiloso sulla propria pelle, ma è un tattoo dal significato profondo scelto non solo per ragioni puramente estetiche, ma per motivi spirituali. Svincolato dal contesto cattolico però, la croce assume significati diversi, talvolta anche politici e non necessariamente legati alla sfera spirituale. Al di là delle due semplici linee che si intrinsecano, esistono innumerevoli varianti del tatuaggio della croce: la croce celtica, quella egiziana, quella latina, quella maltese e quella a forma di Tau. A seconda della tipologia di croce cambia notevolmente il suo significato.

Quindi se siete indecisi su quale croce tatuarvi per sempre sulla vostra pelle, non vi resta che continuare la lettura della nostra “mini guida” e scoprire tutti i diversi significati. Siete curiosi?

Cosa significa il tatuaggio della croce?

Il tatuaggio della croce è stato tra i primi a comparire nel mondo occidentale. La croce come simbolo è antichissimo e sicuramente ha origini precristiane. Si presenta come l’unione o meglio l’intersezione a 90° (ad eccezione della croce di Sant’Andrea) di due segmenti. La croce simboleggia l’universo, l’unione della sfera terrena e di quella divina, la congiunzione di Cielo e Terra, Spazio e Tempo, influenze positive e negative e secondo altre versioni le Stagioni. Solitamente viene associata alla preghiera, alla benedizione e alla sfera spirituale. Chi si tatua una croce decide di tatuarsi un amuleto sacro di protezione e di conseguenza aumenta la sua autostima.

Significato cristiano

La croce è il simbolo per eccellenza della religione cattolica. Per i cristiani la croce simboleggia Cristo, il Verbo, la seconda persona della Santissima Trinità. Tatuarsi questo simbolo significa rendere omaggio alla propria fede. Il tatuaggio delle croce latina è il famoso, ma anche il più “semplice”- stilisticamente parlando- nella sua realizzazione, essendo composta dall’incrocio di due linee dritte di cui quella orizzontale è la metà di lunghezza di quella verticale. Nella visione cristiana questo tattoo simboleggia il sacrificio di Gesù Cristo sulla croce, ma anche la sua resurrezione e quindi il credere nella vita ultraterrena.

Per i credenti la croce è anche un simbolo di protezione dalle forze demoniache, oltre che una testimonianza della propria fede in Dio.

La croce cristiana ha quindi un significato profondamente religioso e legato alla sfera spirituale dell’individuo. Essendo nella maggior parte dei casi stilizzata, questo soggetto si presta ad essere tatuato praticamente in qualsiasi parte del corpo, con preferenza solo in base alle dimensioni.

Significato celtico

Cambiando croce da tatuare, cambia anche il significato. La croce celtica è un tatuaggio diffuso soprattutto nella comunità irlandese ed in tempi recenti usato come simbolo politico, piuttosto che come legame con le antiche tradizioni. In origine la croce celtica simboleggiava il sole e la salvezza, i quattro punti cardinali nonché il Sigillo del Sapere. Essendo rappresentata da due braccia all’interno di un cerchio, era anche il simbolo dell’universo o meglio l’unione dei quattro elementi dell’universo (fuoco, terra, acqua e aria). Le due linee della croce druidica rappresentano l’equilibrio tra le due vie sacre da percorrere per l’uomo, quella orizzontale – il cammino terreno, e quella verticale- il cammino spirituale.

Nel secondo dopoguerra la croce celtica perse il suo significato pagano e originario e divenne, prima in Irlanda e poi in tutta Europa, il simbolo di movimenti di estrema destra e di gruppi di suprematisti bianchi che rivendicavano la purezza della stirpe ariana. Oggi tatuarsi una croce celtica ha un chiaro significato politico ed è una decisione da non prendere a cuor leggero.  Questo tattoo sarà visto e considerato come dimostrazione che chi lo indossa è legato all’estrema destra o addirittura ai naziskin. Molti tatuatori si rifiuteranno categoricamente di tatuarvelo essendo un simbolo politico radicale.

Dove fare il tattoo croce

Il principale vantaggio di questo tatuaggio è che si può scegliere di qualsiasi dimensione e il risultato sarà sempre eccellente. In base alla grandezza si opterà per una differente parte del corpo. Se la croce da tatuare è quella latina stilizzata e le dimensioni sono ridotte, si può decidere come zona il polso, la mano, le dita o dietro l’orecchio. Sono queste scelte predilette da chi desidera un tatuaggio discreto e “nascosto” allo sguardo altrui.

Se la croce da tatuare è di grandi dimensioni, la parte del corpo da prediligere è la schiena. Come scelta è ben riuscita e di impatto. Se il tatto è di medie dimensioni, allora la zona da prediligere è il braccio, anche se c’è da dire che qui tatuarsi una croce è considerato oramai “fuori moda” così come sulla spalla.

Tatuaggio croce uomo e donna

Il tatuaggio della croce è un soggetto amato sia dagli uomini che dalla donne. Spesso la differenza tra i due sessi sta solo nelle dimensioni. Gli uomini infatti prediligono solitamente un tattoo di grandi dimensioni posizionato sul pettorale, magari accompagnato da un rosario o da due chiodi, o sulla schiena. C’è anche chi predilige una croce con le ali tatuata sulla nuca. In questo caso l’aggiunta delle ali simboleggia protezione divina e libertà di spirito.

Le donne preferiscono una croce di piccolissime dimensioni tatuata sul dito, sul polso, sulla nuca o alla caviglia. In particolare nella zona della caviglia la croce può accompagnarsi ad una cavigliera o un rosario.

Tatuaggio croce stilizzata

La croce stilizzata è uno dei tatuaggi più amati in assoluto. La semplicità di esecuzione, la discrezione, il costo non elevato lo rendono uno dei soggetti più richiesti ai tatuatori. Sia gli uomini che le donne ne vanno pazzi.

Articoli sui tatuaggi

Siti partner

condividi articolo

Condividi su facebook
Condividi su print
Condividi su email