in

Tre ricette tipiche italiane, ecco come realizzarle al meglio

Tre ricette tipiche italiane
Tre ricette tipiche italiane

In questo particolarissimo articolo cercheremo di presentare ai nostri affezionati lettori alcune interessantissime ricette per arricchire, o migliorare, la vostra cucina. Per noi italiani in particolare il cibo è sacro, e proprio per questo motivo ho deciso di inserire di seguito alcune ricette proprio della tradizione.

Cercheremo di osservare insieme tutte le fasi per preparare un primo, un secondo, ed un dolce, mostrando alcuni trucchi e tutte le regole da rispettare per non commettere errori ed avere un piatto a dir poco fantastico. Che voi siate amanti della carne, del pesce, della pasta, o della cioccolata, infatti, troverete questo articolo molto interessante e soprattutto particolarmente utile, cominciamo.

Un grande classico, il risotto ai frutti di mare

risotto ai frutti di mare
risotto ai frutti di mare

Tra i grandi classici della tradizione culinaria italiana troviamo proprio il risotto ai frutti di mare, la preparazione del piatto risulta in verità abbastanza semplice, ma bisogna seguire alcune indicazioni per non commettere degli errori che vi rovineranno l’esperienza culinaria. Innanzitutto vi dico che la tipologia di pesce che si aggiunge al riso è variabile, ognuno può scegliere ciò che preferisce, l’importanza è che ovviamente le specie ittiche siano tutte fresche. Solitamente si consigliano cozze, ma anche gamberi e seppioline, sbizzarritevi e seguite i vostri gusti.

Leggi anche: 10 ricette per chi ama la pasta fredda

Per la preparazione vi basterà tostare il riso in un padellino con un filo d’olio finché non risulterà translucido, a questo punto vi basterà aggiungere poco a poco il brodo. Esistono una miriade di brodi differenti, potresti usare i gusci delle cozze, o i carapaci dei gamberi, per fare un ottimo brodo di pesce per cuocere il vostro riso, ma potete tranquillamente optare anche per un brodo vegetale. Mentre il riso cuoce, circa 15-20 minuti in base alla tipologia che si sceglie, potete cuocere le vongole, le cozze, e gli altri pesci. Le cozze di solito non hanno bisogno di lunghi tempi di cottura e dunque non ci sarà bisogno di prepararle prima. Il pesce va aggiunto al risotto solo durante la fase finale, ricordate ad esempio che i gamberetti cuoceranno in pochi istanti una volta aggiunti al riso caldo, inserirli in padella per 10 minuti li rovinerà.

Molto importante è la fase di mantecatura, vi consiglio di aggiungere, in questo caso, del filo d’olio a fuoco spento per mantecare il risotto e di aggiungere qualche zest di limone per rendere il piatto ancora più fresco e profumato.

Il secondo che amano grandi e piccini, le polpette

polpette
polpette

Il secondo è un qualcosa di gustosissimo, morbide e calde al centro ed allo stesso punto croccanti all’esterno, le polpette. Lo sappiamo possono essere fatte in una miriade di modi, oggi osserviamo quelle classiche fritte. Consigliamo di aggiungere, per preparare il vostro impasto, un misto di carni trite, di manzo e di maiale, e di aggiungere al composto delle uova per amalgamare meglio il tutto. Le quantità, ovviamente, variano in base al numero di persone, su 400 grammi di carne consiglio di aggiungere almeno tre uova.

Per rendere le polpette più profumate non potete non aggiungere delle erbe, ma ecco che vi svelo un segreto, come rendere le polpette ancora più morbide e succose? Moltissime persone aggiungono al composto della ricotta, ma, se non volete appesantire troppo le polpette, o se non siete amanti del formaggio, potete optare per una patata lessa. La patata riuscirà a rendere ancora più morbido l’interno delle polpette e darà un’esperienza differente una volta addentate, provare per credere.

Il dolce per eccellenza del nostro paese, il Tiramisù

Tiramisù
Tiramisù

Tutti conoscete il tiramisù e tutti saprete sicuramente prepararlo, per questo motivo mi limiterò a darvi alcuni consigli per renderlo ancora più buono. Innanzitutto, per ottenere una crema al mascarpone davvero eccezionale, è importante non raffreddare le uova inserendole in frigo, ed anzi, di optare per uova a temperatura ambiente. Una volta montati i tuorli non aggiungere immediatamente tutto il mascarpone in solo colpo, ciò provocherà grumi, quindi fatelo poco alla volta solo quando il precedente è perfettamente incorporato.

Leggi anche: Pancake proteici, i trucchi per prepararli senza utilizzare proteine in polvere

Fate attenzione alla bagna in caffè per i savoiardi, il caffè deve essere innanzitutto freddo, e mi raccomando, allungatelo con dell’acqua. Non bagnate troppo i savoiardi, lasciateli nel composto liquido solo per qualche attimo, inzupparli troppo infatti provocherà la loro rottura, o comunque genererà una consistenza per niente appetitosa. In ultima istanza componete il dolce con uno strato di crema ed uno di savoiardi coprendo il tutto con del cacao, preferibilmente amaro. Non scordate di far riposare il tiramisù, anche in frigo, per almeno tre ore prima di servirlo, solo così otterrete la giusta consistenza.

Scritto da Vincenzo Tiano

Innovativo, creativo e professionale. Sono un ragazzo molto ambizioso, cerco di raggiungere gli obiettivi prefissati con impegno e dedizione.