in

Turbolenza letale sul Volo SQ321 della Singapore Airlines, cosa é successo?

Si parla di un morto e 50 feriti, cosa è successo sul volo SQ321 e come c'entra il cambiamento climatico?

aereoporto- Asad Photo Maldives- Pexels.com
aereoporto- Asad Photo Maldives- Pexels.com

Il 21 maggio, dopo essersi imbattuto in una estrema turbolenza che ha provocato un morto e decine di passeggeri feriti, alcuni gravi ed ancora ricoverati, un volo della Singapore Airlines ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza a Bangkok.

Le circostanze dell’incidente su SQ321 sono al momento sotto inchiesta. Gli esperti parlano di uno dei peggiore incidenti dovuto a turbolenze degli ultimi 30 anni. Anche se non è raro incontrare turbolenze in volo, tali episodi possono avere gravi conseguenze.

Una turbolenza, in generale, può essere causata da tempeste, montagne, fattori meteorologici e forti correnti d’aria come le correnti a getto. I movimenti che avvengono durante le turbolenze, di solito non sono visibili. Questo particolare tipo di turbolenza, che è spesso chiamata turbina dell’aria limpida, è causata da cambiamenti nella velocità del vento, nella temperatura dell’aria o nella pressione su brevi distanze. Sono molto difficili da evitare, proprio perché non sono direttamente visibili. Sono anche difficili da prevedere e non si presentano su un radar meteorologico.

aerei- pixabay- Pexels.com
aerei- pixabay- Pexels.com

Si ipotizza che i temporali in rapido sviluppo nei pressi della traiettoria del volo di SQ321 probabilmente abbiano contribuito alla violenta turbolenza.

Il SQ321 potrebbe aver incontrato una situazione di sviluppo temporalesco con forti correnti, caratterizzata da una zona di aria in movimento verso l’alto a velocità estremamente elevate, potenzialmente superiore a 160 km/h. Questo tipo di fenomeno può causare un repentino cambiamento di altitudine dell’aereo in un breve lasso di tempo, lasciando ai piloti poco margine di reazione se si verifica direttamente davanti all’aereo. Le lesioni legate alla turbolenza sono un rischio con cui i passeggeri e l’equipaggio devono confrontarsi durante i voli.

La turbolenza che ha colpito questo volo è durata circa 5 minuti e ha comportato la morte di un passeggero di 73 anni, morto di infarto, e 50 feriti. Secondo le testimonianze, chiunque non era legato al proprio sedile tramite la cintura di sicurezze, è stato catapultato con violenza contro il soffitto. Le persone sono volate per aria e molti oggetti hanno colpito con violenza più persone, portando al numero di feriti gravi confermati.

aereoporto- Asad Photo Maldives- Pexels.comSecondo molto esperti del settore aeronautico, le colpe sarebbero come sempre dell’uomo. Le turbolenze potrebbero essere una sciaguratissima conseguenza del famoso cambiamento climatico, che ha un impatto significativo sull’incremento delle turbolenze atmosferiche.

La turbolenza dell’aria limpida che si verifica sull’Oceano Atlantico settentrionale si è intensificata di almeno la metà della sua intensità e gravità originaria dal 1979 al 2020. I cambiamenti in queste correnti sono stati fortemente influenzati dai cambiamenti climatici: questa alterazione gioca un ruolo nella generazione di flussi turbolenti. A loro volta, le correnti a getto si riferiscono a bande strette di forti venti che fluiscono da ovest a est in tutto il mondo e si trovano ad altitudini superiori, laddove ha luogo la maggior parte del traffico aereo commerciale per risparmiare carburante e tempi di volo più brevi.

Il riscaldamento irregolare dell’aria a diverse altitudini a causa del cambiamento climatico provoca diverse velocità del vento, che a loro volta generano turbolenze. Gli studi suggeriscono che, man mano che il cambiamento climatico continua ad evolversi, la turbolenza dell’aria pulita potrebbe aumentare da due a tre volte.

In sintesi, il futuro del traffico aereo è così drasticamente cambiato: deve tessere nuove strade piene di livelli di incertezza. Il rito di passaggio del settore dell’aviazione e della sicurezza, pertanto, dovrà imparare ad adattarsi e innovare in modo più efficace che mai.

Scritto da Pasquale Arrichiello

A 24 anni ho conseguito una laurea magistrale in Scienze Storiche alla Federico II di Napoli. Oltre alla storia ed alla filosofia, due delle mie principali passioni, ho da sempre coltivato un profondo amore per la scrittura, ed è proprio questo legame ad avermi condotto nel mondo dei copywriter.