Una spezia contro le malattie neurodegenerative: scopri qual è!

L’uso tradizionale più comune del cumino è per l’indigestione. In effetti, la ricerca moderna ha confermato che il cumino può aiutare a mandare su di giri la normale digestione. Ad esempio, può aumentare l’attività degli enzimi digestivi, accelerando potenzialmente la digestione.

Il cumino è una spezia ricavata dai semi della pianta Cuminum cyminum. Molti piatti usano il cumino, spezia molto usata, in particolare cibi provenienti dalle regioni native del Mediterraneo e del sud-ovest asiatico. Per generazioni, le persone hanno usato il cumino per trattare condizioni che vanno dall’indigestione e dalla diarrea al mal di testa. Le persone in India lo hanno usato per curare calcoli renali e vescicali, malattie degli occhi e persino la lebbra. Ora, la ricerca scientifica sta trovando prove a sostegno di molti di questi usi tradizionali.

L’uso tradizionale più comune del cumino è per l’indigestione. In effetti, la ricerca moderna ha confermato che il cumino può aiutare a mandare su di giri la normale digestione. Ad esempio, può aumentare l’attività degli enzimi digestivi, accelerando potenzialmente la digestione. Il cumino aumenta anche il rilascio di bile dal fegato. La bile aiuta a digerire i grassi e alcuni nutrienti nell’intestino. In uno studio, 57 pazienti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) hanno riportato un miglioramento dei sintomi dopo aver assunto cumino concentrato per due settimane.

Spezie su cucchiaini di legno
Spezie su cucchiaini di legno – Foto di Marta brando /Pexels.com

La ricerca ha dimostrato che il cumino, come spezia, può aiutare a uccidere alcuni batteri che possono entrare nel tuo corpo e farti ammalare. In laboratorio, il cumino ha dimostrato di limitare la crescita di microrganismi, tra cui E. coli, un batterio che può causare intossicazione alimentare. Le sue proprietà antibatteriche potrebbero spiegare perché le persone hanno tradizionalmente usato il cumino come conservante. Il cancro si sviluppa quando le cellule del corpo iniziano a moltiplicarsi senza controllo. I tumori sono raccolte di queste cellule anomale. In diversi studi sugli animali, gli scienziati hanno scoperto che i semi di cumino possono prevenire la crescita di diversi tipi di tumori, compresi quelli causati da tumori del fegato, dello stomaco e del colon. Sono necessari ulteriori studi per determinare se il cumino può aiutare a prevenire il cancro negli esseri umani.

La dipendenza da stupefacenti è una preoccupazione crescente a livello internazionale. I narcotici oppioidi creano dipendenza dirottando il normale senso di desiderio e ricompensa nel cervello. Ciò porta a un uso continuato o aumentato. Studi sui topi hanno dimostrato che i componenti del cumino riducono il comportamento di dipendenza e i sintomi di astinenza. Tuttavia, sono necessarie molte più ricerche per determinare se questo effetto sarebbe utile negli esseri umani. I prossimi passi includono trovare l’ingrediente specifico che ha causato questo effetto e testare se funziona negli esseri umani, e lo stesso effetto può prevenire lo sviluppo di malattie neurodegenerative come Parkinson ed Alzheimer.

Leggi anche