Vatican Girl, la serie Netflix sulla scomparsa più famosa d’Italia!

Emanuela Orlandi era una ragazza di 15 anni che viveva in un appartamento nella Città del Vaticano con la sua famiglia, alcuni dei quali erano stati impiegati dal Vaticano e avevano lavorato per i papi per oltre un secolo.

Una nuova serie di documentari sui veri crimini su Netflix ha visto il lancio di “Vatican Girl”. Serie che racconta la storia della scomparsa nel 1983 di Emanuela Orlandi, una ragazza di 15 anni che è ancora l’unica cittadina vaticana considerata scomparsa. La serie esamina le varie testimonianze di persone coinvolte o che affermano di essere coinvolte nel caso, con la notevole eccezione di qualsiasi funzionario vaticano. Dopo un montaggio in cui una persona dopo l’altra afferma che ogni pista nelle indagini coinvolge in qualche modo il Vaticano e sollecita l’istituzione a rivelare qualsiasi informazione in suo possesso, la schermata finale osserva: “Il Vaticano ha rifiutato di essere intervistato per questa serie”.

Emanuela Orlandi era una ragazza di 15 anni che viveva in un appartamento nella Città del Vaticano con la sua famiglia, alcuni dei quali impiegati dal Vaticano e al servizio dei papi per oltre un secolo. La sua famiglia è tra i pochi non religiosi a cui è stata concessa la cittadinanza vaticana ufficiale.

Il 22 giugno 1983 Emanuela esce di casa per una lezione di flauto nel centro di Roma. Successivamente chiama a casa per dire che le avevano chiesto di vendere prodotti di bellezza Avon, dopo la lezione. Non è mai tornata. Orlandi si sarebbe avvistata l’ultima volta salire su una BMW verde. Nei mesi successivi alla sua scomparsa, la famiglia di Orlandi ha ricevuto una serie di misteriose telefonate in cui affermava che era stata rapita a scopo di riscatto e che sarebbe stata liberata se Mehmet Ali Agca, l’uomo che uccise Papa Giovanni Paolo II nel 1981, fosse stato rilasciato dal carcere.

Netflix sulla tv
Netflix sulla tv – Foto di cottonbro studio/Pexels.com

Le chiamate e le successive testimonianze di varie persone che affermano di far parte nel caso, portano a diverse teorie sui motivi della sua scomparsa. I due più popolari dietro il rapimento ci sia un gruppo terroristico internazionale legato ad Agca. L’altra ipotesi è che la mafia italiana l’avesse rapita per ricattare il Vaticano per denaro dopo il crollo del Banco Ambrosiano nel 1982, l’anno prima della scomparsa di Orlandi.

Il documentario è avvincente, completo e abbastanza onesto: è facile ottenere ciò che è una teoria rispetto a ciò che è un dato di fatto. I temi sono in  cronologicamente non appena si scoprono nuovi indizi e l’esposizione è trasparente, mentre si tratta di notizie dell’epoca o di spezzoni di una trasmissione televisiva. Si dice ad un certo punto che il passare del tempo sia nemico della verità. Sembra corretto. Ma capire che il Vaticano è un posto più oscuro del fondo di un pozzo non è cosa così ignota. E sappiamo tutti che non tutti sono ancora pronti ad accettarlo.